Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Anche L' Italia Verso Il Default? Alle Stelle I Tassi Per Collocare Il Nostro Debito Pubblico!


30 novembre 2010 ore 21:53   di rodido  
Categoria Affari Finanza e Fisco  -  Letto da 585 persone  -  Visualizzazioni: 881

Quando uno come Gianni Letta, esprime riguardo alla situazione dei mercati finanziari internazionali, “grande preoccupazione” allora forse è davvero il momento di allacciare le cinture di sicurezza. Il Sottosegretario alla presidenza del Consiglio ha continuato: ''Questa è una giornata impegnativa per le turbolenze sui mercati, turbolenze più forti dell'Aids e che meriterebbero un vaccino anche loro. Che dai mercati possa arrivare un affondo sull'euro cercando di coinvolgere nel contagio Irlanda paesi più solidi come Spagna e Portogallo e forse anche l'Italia e' una preoccupazione forte''.

A cosa è dovuta questa forte preoccupazione? Ecco alcuni indici che ai più potranno apparire come sigle lontane e poco significative. Innanzitutto il cosiddetto differenziale (lo spread) tra BTP e Bund che durante la mattinata di oggi (30 novembre) ha toccato 210 punti base (2,1%) nonché record (negativo) dalla nascita dell'euro. Significa che per spingere un investitore a comprare titoli italiani offrire un interesse superiore di 2,1% rispetto ai titoli tedeschi. Ma non solo volano a livelli record anche i credit default swap (i derivati contro il rischio fallimento) di Italia, Spagna e Portogallo che salgono al record di 263 punti per l'Italia ( 18 punti), di 373 punti per la Spagna ( 22 punti) e di 556 punti per il Portogallo ( 22 punti).


A preoccupare ovviamente è soprattutto il’imponente debito pubblico italiano che in valore assoluto continua a lievitare e dopo aver sfondato quota 1.800 miliardi di euro sembra non avere più freni. A ciò si unisce una situazione politica sempre più incerta con esponenti più preoccupati delle loro beghe di palazzo che non al treno Italia diretto lanciato verso il baratro del default. Certo se salta anche l’Italia gli economisti ritengono potrebbe essere ripensato l’intero sistema euro. Le fonti più accreditate parlano di una fascia ad euro forte con certamente Germania e Francia e paesi con una valuta più debole con i cosiddetti pigs (Portogallo, Irlanda, Grecia e Spagna Italia?).

In effetti in passato in situazioni come queste la politica ricorreva alla svalutazione della moneta così da ridurre il debito mediante inflazione a danno ovviamente dei risparmiatori che detenevano valute. In questa situazione in cui non è possibile pensare ad una svalutazione vengono in mente misure diperate come la patrimoniale di Amato sui conti correnti (retrodatata). Ed in effetti l’unica voce positiva dei conti italiani con cui Tremonti cerca di rassicurare i mercati è proprio il basso debito dei cittadini rispetto ad altri paesi, come se il debito italiano fosse compensato dai nostri risparmi. E allora, allacciamo le cinture e vediamo come sarà l’atterraggio!

Anche L' Italia Verso Il Default? Alle Stelle I Tassi Per Collocare Il Nostro Debito Pubblico!

Articolo scritto da rodido - Vota questo autore su Facebook:
rodido, autore dell'articolo Anche L' Italia Verso Il Default? Alle Stelle I Tassi Per Collocare Il Nostro Debito Pubblico!
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Affari Finanza e Fisco
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Affari Finanza e Fisco
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione