Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Arriva Il Conto Corrente A Zero Spese Del Decreto Salva Italia


24 aprile 2012 ore 14:31   di KungFuGirl  
Categoria Affari Finanza e Fisco  -  Letto da 3071 persone  -  Visualizzazioni: 3630

Nel tentativo di contrastare efficacemente l'evasione fiscale, autentica piaga che affligge il nostro Paese, il Governo Monti ha disposto severe norme circa la tracciabilità dei fondi: in pratica, occorre poter dimostrare da dove vengono e per cosa vengono utilizzati i nostri soldi. In questo contesto si inquadrano i controlli fiscali messi in atto dalla Guardia di Finanza in diverse zone d'Italia, a caccia degli scontrini fiscali rilasciati dai negozianti, ma anche l'obbligo di possedere un conto corrente sul quale sia possibile accreditare stipendio o pensione, evitando di fare ricorso al pagamento in contanti per le cifre superiori ai mille euro.

In seguito all'accordo siglato tra ABI, Tesoro, Bankitalia, Poste e diverse associazioni di prestatori di servizi di pagamento, oggi è stato presentato il primo conto corrente a zero spese, il cui intento è quello di consentire a tutti gli italiani di mettersi in regola con la normativa del Decreto Salva Italia senza andare a gravare sulle fasce più deboli della popolazione.


Niente spese di gestione conto e nessuna spesa di bollo, con in più prelievi bancomat illimitati e nessun tetto fissato per i pagamenti con carta di debito: è questo il servizio bancario di base, garantito per tutti i nuclei familiari il cui ISEE sia inferiore ai 7.500 euro e per tutti i pensionati che percepiscono fino ad un massimo di 1.500 euro al mese. Secondo le stime rese note durante la presentazione di questo conto corrente di base sarebbero circa 850 mila i pensionati che, ad oggi, non dispongono di un conto corrente e beneficerebbero dunque di questo prodotto.

Fabrizio Saccomanni, direttore generale della Banca d'Italia, ha spiegato come "La necessità di predisporre conti correnti bancari a costi limitati o nulli nasce dalle decisioni del Governo in tema di lotta all'evasione fiscale, che prevede l'eliminazione del contante per le transazioni superiori ai mille euro". Due, al momento, le tipologie di conto corrente gratuito previste: una che prevede prelievi bancomat illimitati presso il proprio istituto di credito, 6 prelievi allo sportello, 12 prelievi bancomat gratis presso altre banche e 12 pagamenti ricorrenti tramite bonifico o addebito in conto; l'altra, riservata ai pensionati sino a 1.500 euro, prevede prelievi illimitati presso gli sportelli automatici dell'istituto in cui si è aperto il conto, 12 prelievi gratuiti allo sportello e operazioni di pagamento a mezzo carta di debito illimitate.

Arriva Il Conto Corrente A Zero Spese Del Decreto Salva Italia

Articolo scritto da KungFuGirl - Vota questo autore su Facebook:
KungFuGirl, autore dell'articolo Arriva Il Conto Corrente A Zero Spese Del Decreto Salva Italia
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Affari Finanza e Fisco
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Affari Finanza e Fisco
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione