Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Crisi Italiana: Che Cos' è Il Default E Cosa Rischiano I Cittadini


2 novembre 2011 ore 21:11   di Ciuffo79  
Categoria Affari Finanza e Fisco  -  Letto da 1376 persone  -  Visualizzazioni: 2273

La profonda crisi italiana e le speculazioni finanziarie che hanno posto il nostro Paese nell’occhio del ciclone, hanno determinato per l’Italia, secondo i commenti degli analisti, il cosiddetto “rischio default”, nel quale già si trova immerso un importante Paese come la Grecia.

Ma cosa significa “default”? e quali sono i rischi ai quali i cittadini potrebbero incorrere nel caso in cui la crisi italiana non trovi freno? Con il termine “default” si indica innanzitutto l’insolvenza di uno Stato, di fatto il suo fallimento.


Un Paese in default, com’è capitato già all’Ecuador nel 1999, all’Argentina nel 2002 e all’Islanda nel 2010, non è tecnicamente capace di onorare i propri debiti, le proprie obbligazioni e, in sostanza, di rimborsare tutti i prestiti che gli sono stati concessi per finanziarsi attraverso l’emissione di titoli di Stato.

Crisi Italiana: Che Cos' è Il Default E Cosa Rischiano I Cittadini

Il famoso “Spread”, ad esempio, indica il costo di finanziamento del debito pubblico, ossia quanti interessi lo Stato è costretto a pagare affinché i propri titoli di Stato siano comprati. Più sale il valore dello Spread, più elevato è il rendimento che l‘acquirente richiede per assumersi il rischio del loro acquisto. Comportando un ulteriore aumento del deficit pubblico.

Se uno Stato va in default, quindi, non è più in grado di fronteggiare gli impegni economici assunti, tantomeno nei confronti dei propri cittadini.
Ad esempio, potrebbe non riuscire a rimborsare il valore dei propri titoli, rendendo nulli le cedole e i Buoni del Tesoro.

Non avendo inoltre liquidità, lo Stato insolvente rischia di non essere più in grado di pagare lo stipendio dei dipendenti pubblici, le pensioni e di non riuscire più a sostenere i costi dei servizi basilari, favorendo tra l’altro il congelamento dei depositi bancari.

Le banche infatti, sarebbero tra le prime vittime del fallimento dello Stato, in quanto l’ipersvalutazione dei Titoli di Stato che esse hanno acquistato determina il loro possibile fallimento con la conseguenza di non essere più capace di rimborsare i depositi dei risparmiatori.

Uno Stato insolvente potrebbe riuscire a risollevarsi dal default attraverso l’uscita dalla moneta unica e la creazione di una nuova moneta nazionale, consentendole di entrare nuovamente nei mercati sfruttando i vantaggi della svalutazione della propria moneta (ad esempio con l’aumento delle esportazioni).

Il caso dell’Europa, contrariamente al default dell’Argentina ad esempio, mostra tuttavia ulteriori difficoltà dettate dall’inesistenza di forme di uscita guidate o protette dall’Euro, dato che l’area Euro prevede che l’uscita di uno Stato dalla moneta unica coincida automaticamente con l’uscita dall’Europa politica, con tutte le conseguenze del caso.
Uno Stato insolvente che esce dall’Unione Europea, tra l’altro, pur avendo creato propria moneta e pur avendo ricostruito i presupposti per una ripartenza della propria economia, non avrebbe senz’altro l’appoggio dei Paesi di cui era debitore prima del default, non avendo onorato gli impegni in precedenza.

L’uscita dal mercato unico potrebbe altresì determinare per un Paese insolvente la necessità di doversi scontrare con dazi e protezionismi da parte delle altre Nazioni, ostacolando ad esempio, il reperimento di materie prime in grado di far ripartire al produzione interna e dunque la propria economia generale.

Articolo scritto da Ciuffo79 - Vota questo autore su Facebook:
Ciuffo79, autore dell'articolo Crisi Italiana: Che Cos' è Il Default E Cosa Rischiano I Cittadini
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Affari Finanza e Fisco
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Affari Finanza e Fisco
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione