Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Crisi, Neet E Mercato Del Lavoro


2 giugno 2010 ore 19:29   di XRipper  
Categoria Affari Finanza e Fisco  -  Letto da 293 persone  -  Visualizzazioni: 634

Le statistiche dell' ISTAT danno un segnale molto forte e scoraggiante sul futuro nel breve periodo. I giovani, chiamati anche bamboccioni, una volta si preferiva il termine mammoni, non lavorano così tanto quanto ci si aspeterrebbe. Ovvero, uno su tre è disoccupato, ma peggio ancora, sono quelli che non cercano neppure e non fanno assolutamente niente (i NEET, Not in Employment, Training or Education). Una volta si diceva, "se uno ha voglia di lavorare, un lavoro lo trova sempre".

Ebbene, niente di più sbagliato. Ci sono fior fiori di laureati, che dopo essersi fatti letteralmente il culo per studiare, non trovano un lavoro, e molti di quelli che lo hanno trovato, faticano ad arrivare alla fine del mese con stipendi che non valgono sicuramente i sacrifici che una laurea può costare.


Il problema non sono i giovani, il problema è il mercato, il mercato del lavoro. Un mercato ora più che mai fermo, statico, assolutamente poco meritocratico, ma soprattutto privo di opportunità. A leggere certi annunci di lavoro viene quasi da piangere, si cercano persone con un mix di determinate esperienza, con moltissime competenze, per una paga poi totalmente uguale a quella di uno che non ha né titoli, né esperienze.
Crisi, Neet E Mercato Del Lavoro

Ma è così, è inutile girarci attorno. l'Italia è sempre meno terra di opportunità, non è una novità, è semplicemente lo stabilizzarsi di un forte declino che viene da lontano, da politiche sociali, economiche e culturali profondamente sbagliate, basate su previsioni errate. Chi doveva prevedere il futuro per i prossimi 10 o 20 anni ha sbagliato linea, e l'Europa intera, sta sprofondando, chi più e chi meno, in un declino senza gloria, mentre si affacciano all'orizzonte i nuovi grandi membri della comunità mondiale, quelli che via via, diventano sempre più influenti, la Cina, l'India, il Brasile. Il futuro non è incoraggiante, e la politica ha semplicemente il compito di scegliere gli sfortunati su cui maggiormente si abbatterà la crisi.

Per ora questi sono i giovani, ovvero il futuro della nazione. Le scelte sbagliate si pagano, così come fu sbagliato allearsi con la Germania durante la Seconda Guerra Mondiale, oggi potrebbe essere sbagliato non investire sui giovani. Ma la verità è forse ancora più semplice, non si conoscono styrade alternative, la totale mancanza di idee, che fa si che questo sia l'unico modo di andate avanti.

Articolo scritto da XRipper - Vota questo autore su Facebook:
XRipper, autore dell'articolo Crisi, Neet E Mercato Del Lavoro
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Affari Finanza e Fisco
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Affari Finanza e Fisco
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione