Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Imu: Ecco Quanto Ci Costerà La Casa


14 marzo 2012 ore 13:37   di Feniks  
Categoria Affari Finanza e Fisco  -  Letto da 634 persone  -  Visualizzazioni: 1172

La manovra "Salva Italia" ha reintrodotto l’imposta sulla prima casa, sostituendo la vecchia ICI con la nuova IMU che andrà così a gravare, di fatto, su tutti i possessori di abitazione (sia essa dimora principale o "seconda casa").

La nuova imposta infatti si calcola su tutte le abitazioni possedute e prevede due aliquote: una ridotta pari allo 0,4% da applicarsi sulla prima casa ed una di base, pari allo 0,76% per tutti gli altri immobili. Tali aliquote possono però essere ridotte o incrementate a discrezione di ogni singolo comune fino allo 0,2% per la prima casa e fino allo 0,3% per le altre.
Come si calcola l’imposta? Tutto sommato è abbastanza semplice: basta prendere la rendita catastale dell’abitazione, rivalutarla del 60% (in pratica moltiplicarla per 1.60) quindi applicare l’aliquota corrispondente. Ad esempio per un immobile ad uso di prima casa la cui rendita è 500 Euro, l’Imu sarà pari a Euro 320 (500 * 1.6 * 0,4).


Tutto qui? No, perché sulla prima casa è stabilita una detrazione di Euro 200 (da conteggiarsi per ciascun proprietario dell’immobile a prescindere dalla quota di possesso. In pratica se l’immobile è cointestato a 2 proprietari, gli stessi avranno diritto ad una detrazione di Euro100 ciascuno. Inoltre, sempre e solo sulla prima casa, è stabilita una ulteriore detrazione pari a 50 Euro per ogni figlio convivente di età non superiore a 26 anni; il totale delle detrazioni non può in ogni caso superare i 400 Euro.

E proprio questa ulteriore detrazione attribuita ai figli è di complessa interpretazione in quanto non sono ancora stati forniti tutti i necessari chiarimenti da parte dell’Agenzia nei casi più complessi (ad esempio immobile intestato a madre e figlio già spostato con figli minori di 26 anni che vi risiedono con le rispettive famiglie).
Non ci sono invece dubbi sulle case concesse in uso gratuito ai familiari. La percentuale da applicare è quella ordinaria e non vi sono detrazioni di sorta.
In attesa che tutti i comuni deliberino le eventuali maggiorazioni o riduzioni delle aliquote dei chiarimenti dell’Agenzia, possiamo però già quantificare quanto inciderà sui bilanci familiari questa nuova (o vecchia) imposizione.

Articolo scritto da Feniks - Vota questo autore su Facebook:
Feniks, autore dell'articolo Imu: Ecco Quanto Ci Costerà La Casa
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Affari Finanza e Fisco
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Affari Finanza e Fisco
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione