Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

L' Italia, Il Debito, La Crisi E La Svalutazione Che Non C' è


31 maggio 2010 ore 07:26   di rodido  
Categoria Affari Finanza e Fisco  -  Letto da 338 persone  -  Visualizzazioni: 636

C'era una volta la Lira, non è passato poi un secolo. E c'era una volta un bel paese, l'Italia, a cui piaceva vivere e spendere: per farlo aveva bisogno di qualcuno disposto a prestargli i denari: famiglie, banche, fondi o stati esteri. Il paradosso era che mentre gli italiani erano definiti i giapponesi d'Europa, nel senso che erano ottimi risparmiatori, lo stato italiano era un gran spendaccione. E' come quando in una famiglia moglie e figli mettono i loro spiccioli nel porcellino tutte le sere e il papà se li fa prestare per cambiare l'auto, per andare al Bar. Attenzione, ovviamente il papà promette di restituirli con gli interessi ed infatti esiste una lista con scritto il debito più gli interessi da pagare. Solo che il debito non scende mai.

Al tempo della lira esisteva una parola magica che al solo evocarla tutto sembrava aggiustarsi, lo Stato riprendeva vigore e ricominciava a indebitarsi e a spendere ed anche le imprese si sentivano più brave e più efficienti, più competitive si usava dire. La parola magica era: SVALUTAZIONE.


Svalutando la liretta infatti il debito che solo il giorno prima valeva 100, improvvisamente valeva meno, ed anche gli interessi costavano meno, davvero una magia. Per chi era indebitato una manna venuta dal cielo. Anche le imprese, dicevamo, salutavano la svalutazione come una fortuna, infatti i capitali accumulati erano ben al sicuro all'estero, magari in Svizzera, e le sottocapitalizzate imprese italiane si trovavano con debiti che valevano meno e con gli operai da pagare con stipendi che valevano meno.

L' Italia, Il Debito, La Crisi E La Svalutazione Che Non C' è

Questo succedeva una volta, poi arrivò l'euro cattivo e nel bel paese non fu più possibile pronunciare la parola magica.

Oggi abbiamo un debito arrivato alla cifra record di quasi 1.800 miliardi, dato che cresce sistematicamente. Le cifre che circolano relativamente alla manovra sono insufficienti anche solo a pagare gli interessi, peraltro ai tassi attuali che sono molto bassi. Recentemente lo stesso capo del Governo Silvio Berlusconi  ha avuto parole di rimprovero verso la dissennata politica degli anni 80/90 con un debito pubblico fuori controllo.

Per fornire la foto degli ultimi anni il debito che nel 2005 era di 1.512 miliardi oggi è di 1.761 miliardi. Finchè è possibile  trovare compratori per i titoli di stato si va avanti anche per questo lo Stato deve conttrollare le Banche che sono i principali sottoscrittori/collocatori di Bot e CCT. Parafrasando un classico della nostra letteratura moderna: speriamo che ce la caviamo!

Articolo scritto da rodido - Vota questo autore su Facebook:
rodido, autore dell'articolo L' Italia, Il Debito, La Crisi E La Svalutazione Che Non C' è
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!


Commenti

 

Molto bello, un'analisi che merita tutti i miei complimenti, sarebbe più completa se integrata con la definizione di debito pubblico. Ciao

Inserito 31 maggio 2010 ore 21:16
 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Affari Finanza e Fisco
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Affari Finanza e Fisco
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione