Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Stop Alle Ganasce Fiscali


2 giugno 2011 ore 15:46   di Plug_Eco  
Categoria Affari Finanza e Fisco  -  Letto da 464 persone  -  Visualizzazioni: 824

“Stop alle ganasce fiscali!” E’ questa la richiesta avanzata da una risoluzione approvata dalla Commissione Finanze della Camera. La questione era stata sollevata anche dal ministro Tremonti, e il fatto che la risoluzione sia stata approvata con voto bipartisan conferma due aspetti: in primo luogo davanti alle sanzioni siamo pronti a collaborare con il nemico, e poi, forse, le regole così come sono non fanno il bene di nessuno e vanno veramente riscritte.

In particolare, la risoluzione propone di introdurre maggiore flessibilità nei confronti di quegli imprenditori morosi, ahimè, alle prese con i provvedimenti di riscossione coattiva (tra i quali le famigerate ganasce fiscali). L’atteggiamento che prevaleva fino ad ora era stato l’opposto: cartelle recapitate con una non chiara identificazione delle multe, sanzioni ed interessi per le infrazioni e pronta esecutività dei provvedimenti.


E cosa hanno pensato i nostri legislatori? Di chiedere sostanzialmente tre cose: primo, la possibilità di concedere al debitore un nuovo piano di rateazione in caso di mancato pagamento di una o più rate se effettivamente il contribuente si trova in una situazione di difficoltà economica. Secondo: rivedere la disciplina dei debiti sotto i 2.000 Euro (Equitalia in questi casi dovrebbe limitarsi a mandare solleciti di pagamento, senza azioni esecutive). Terzo: innalzare a 20.000 Euro l’importo del debito al di sotto del quale non è possibile iscrivere ipoteca o procedere all’espropriazione degli immobili.

Dicevamo, la richiesta sarebbe particolarmente gradita anche se appare in controtendenza anche con recenti provvedimenti emanati (e assolutamente pro-fisco!), quali l’impossibilità di compensare tributi erariali se si hanno delle cartelle di pagamento scadute per importi superiori a 1.500 Euro (art. 31 del D. Lgs 78/2010) o l’esecutività delle cartelle esattoriali a partire dal 1° luglio 2011; mi soffermerei su quest’ultima norma perché secondo me ha dell’incredibile: tra un mese, infatti, se arriva una cartella esattoriale, il contribuente è tenuto a versare la metà dell’importo anche se si intende fare ricorso. La domanda è: che questa risoluzione sia solo un contentino per controbilanciare le bastonate –fiscali, s’intende– in arrivo?

Articolo scritto da Plug_Eco - Vota questo autore su Facebook:
Plug_Eco, autore dell'articolo Stop Alle Ganasce Fiscali
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Affari Finanza e Fisco
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Affari Finanza e Fisco
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione