Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Alla Scoperta Della Val Tartano


13 dicembre 2009 ore 20:58   di CoccoBill  
Categoria Altro  -  Letto da 953 persone  -  Visualizzazioni: 2023

La Val Tartano è la più vasta valle delle Alpi Orobiche della bassa Valtellina e presenta uno sbocco molto elevato, a circa 600-700 metri di quota, rispetto al fondovalle.
I due centri abitati principali sono Campo Tartano a circa 1050 m e Tartano a 1200 m.  I loro territori sono separati fisicamente dal profondo solco della Val Vicima.
A Tartano la valle si biforca a nord-est inizia la Val Lunga mentre a sud-est la Val Corta che si dirama poi nuovamente nella Val di Lemma e nella Val Bodria. Una nota caratteristica della Val Tartano sono le contrade: piccoli nuclei di case ancora oggi collegate da sentieri e mulattiere.

La Val Tartano fa parte del Parco delle Orobie Valtellinesi, essa offre una ricca e vasta scelta di camminate ed escursioni sia a bassa quota sia a media quota,  nel periodo estivo e in quello invernale.
Gli itinerari si sviluppano in montagna con rischi caratteristici di questo tipo di habitat quali slavine, tratti ghiacciati, fondi scivolosi, cambiamenti atmosferici repentini. Naturalmente sapersi orientare e conoscere il territorio è fondamentale.    Prima di mettersi in cammino bisogna valutare attentamente il percorso scelto e le sue difficoltà in base alla propria esperienza e preparazione.


Fra le varie possibili escursioni una del periodo invernale è la “ciaspolata” con partenza dalla località Gavedo Piana a quota m. 1276 in Vallunga.
Risalendo con le racchette da neve (ciaspole) ai piedi i prati sopra la contrada si prende il sentiero fra gli abeti verso l’alpeggio Gavedo e si raggiunge la Casera (m. 1724) e una baita – rifugio detto del “Tachèr” (m. 1794). Da qui chi vuole può proseguire raggiungendo ad alta quota la Casera di Gavedone (m. 1897) e scendere, seguendo le baite, fino alla contrada Arale. Lungo la strada della Vallunga si ritorna alla Piana punto di partenza.
Anche in Val Corta vi è un percorso invernale per i “ciaspolatori” con la possibilità di ammirare, nel periodo Natalizio, un caratteristico Presepe che si snoda per oltre un chilometro nel bosco in località Cavedio Biorca.
Molteplici sono le possibilità di praticate lo scialpinismo sia in Val Corta sia in Val Lunga dove si svolge pure una manifestazione sportiva: la “Val Tartano Ski Alp”.

Fra gli itinerari estivi caratteristico è il giro delle contrade della Val Lunga.
Partendo dalla contrada Pila (m. 1317) si sale percorrendo il sentiero che porta alla contrada Costo (m. 1397) e alla successiva “i Basisc” (m. 1417). Da qui con un’attraversata a mezza costa si raggiungono altre frazioni fra le quali S. Antonio (m. 1445) dove sorge la chiesa più antica della valle, poi si arriva all’antica contrada Le Tegge e Pra de Ules (m. 1489). Proseguendo nel percorso si raggiunge Arale dove sorge il rifugio Beniamino. Per il ritorno si può seguire la strada che percorre il fondovalle.
Affascinante è pure l’escursione in quota ai laghetti di Porcile e al Passo Tartano (m. 2108).

Altri itinerari sono percorribili anche con la mountain bike ad esempio lungo la pista forestale della Val Corta o verso il Giardino Botanico Alpino delle Orobie, dove si possono riscoprire le varietà della vegetazione autoctona del Parco.

Vari angoli della Val Tartano offrono la possibilità di trascorrere una serena giornata immersi in un ambiente tranquillo e incontaminato.

Articolo scritto da CoccoBill - Vota questo autore su Facebook:
CoccoBill, autore dell'articolo Alla Scoperta Della Val Tartano
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Altro
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Altro
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione