Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Berlusconi Come Hitler Secondo Umberto Eco... E Lui Come Paperoga?


11 marzo 2011 ore 01:03   di Alice  
Categoria Altro  -  Letto da 458 persone  -  Visualizzazioni: 666

Ho conosciuto molti scrittori che vanno avanti perchè supportati da piccole o grandi cupole di potere. Scrittori che talvolta non valgono niente, ma vengono trascinati da un'onda fortissima di consenso organizzato di cui loro sono parte integrante.

Certo non è il caso di Umberto Eco, che è una punta di diamante della nostra cultura. Ma anche ai grandi come Eco, può succedere di vivere al di là della media, perdere il polso e diventare febbricitante. Leggete:


http://www.ciari.net/controinforma.htm#eco In questo articolo, - Perché in Berlusconi si nasconde un comunista - che precede l'intervento in cui Eco paragona Berlusconi ad Hitler, si assiste, ulteriormente, ad un avvitamento logico su sé stessi.

Berlusconi in realtà, oltre ad essere paragonabile ad Hitler, secondo Eco, sarebbe ed agirebbe come un comunista.

In mezzo a tante parole del coltissimo Eco, che nonostante la pretesa profondità, hanno solo il pregio di vendere una bella penna, bella e piacevole da leggere, ci sono solo banalità, dovute al forte limite dell'antiberlusconismo viscerale.

Un antiberlusconismo che ha vita propria e che riveste l'oggetto- incidentalmente Berlusconi- di tutto ciò che si vuole, stiracchiando il concetto fino all'estremo e senza alcun aggancio reale con il concreto, alzando sempre più la posta, of course, perchè altrimenti il concetto finisce per perdere appeal.

Questo è il limite di questo bello, ma fantasioso articolo.

Se andiamo alla sostanza, basterebbe pensare che il comunismo ha sempre avuto dei poteri immensi sia sui sottoposti, che sugli apparati di potere.

E quindi non è il nostro caso.

Se Berlusconi ha poteri, ha poteri di persuasione, di seduzione, forse di corruzione di un certo tipo, ( ogni incontro apre possibilità e Berlusconi queste possibilità le coniuga nel concreto ) non di controllo totale sugli apparati di potere, checchè ne dicano uomini inattendibili ed ex fascisti come, ad esempio, Fini.

Perchè, Berlusconi, come appare evidente, ha contro tutti i poteri. Perchè manca, evidentemente, di una connessione con i controlli veri e gli apparati di potere di questo paese, uno tra tutti il potere giudiziario/mediatico, che laddove salva l'entourage D'Alema da uno scandalo escort, come successo, mette su una graticola fenomenale, anche con elementi molto dubbi, Berlusconi.

Al contrario di quanto dice Eco, poi, Berlusconi non si rivolge al popolo dall'alto, cercando di inquadrarlo in rigide regole ineludibili come farebbe un sostanzioso apparato comunista. Berlusconi si rivolge al popolo cercando di gratificarne le pulsioni edonistiche, sia quelle che stanno in alto, che quelle che stanno in basso nella scala dei valori: quale differenza maggiore di questa si potrebbe rilevare con il comunismo?

Inoltre, ultimo, ma non ultimo, perchè la discussione meriterebbe più approfondimento,se c'è aggancio reale con il concetto di comunismo popolare è positivo: Berlusconi è l'unico che abbia fatto qualcosa di sinistra in questo paese: non lo dico io, lo dice Ricolfi:

http://forum.chatta.it/politica/8062440/luca-ricolfi-berlusconi-a-sorpresa-gov.aspx

Segno che davvero il suo approccio cerca, o almeno ci prova, di rivolgersi al popolo in modo diretto e concreto.

Facciamo qualche esempio tratto da Ricolfi:

- La stabilizzazione dei conti pubblici, fatta senza colpire la sanità e con il plauso di tutte le istituzioni sovranazionali

- La lotta alle mafie, che non ha mai raggiunto simili traguardi

- Ammortizzatori sociali: cassa integrazione in deroga, estensione degli assegni di disoccupazione, social card, sussidi alle famiglie e ai non autosufficienti

- Sanatoria delle badanti, : provvedimento ragionevole, pragmatico, ma che ti aspetteresti più da un governo di sinistra, buonista e aperto alle ragioni dell’integrazione, che non da uno di destra, cattivista e severo con i clandestini.

Inoltre, piccolo appunto per quanto riguarda la teledipendenza, ovviamente sempre imputata a chi si farebbe influenzare dal potere mediatico di Berlusconi.

Si sta formando un vero partito derivato dagli idoli tv. E non è berlusconiano.

Occhio al contrappasso.

Articolo scritto da Alice - Vota questo autore su Facebook:
Alice, autore dell'articolo Berlusconi Come Hitler Secondo Umberto Eco... E Lui Come Paperoga?
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Altro
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Altro
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione