Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Carmine Torchia L'ultimo Artista Del 2010 Sulle Mattonelle Magiche Del N'importe Quoi


19 dicembre 2010 ore 02:34   di allinfo  
Categoria Altro  -  Letto da 347 persone  -  Visualizzazioni: 609

Si è concluso il 17 dicembre, con l'esibizione di Carmine Torchia, l'ultimo appuntamento del 2010 con i venerdì d'autore del "N'importe quoi" la Libreria-caffè di Via Beatrice Cenci n. 10 a Roma (Portico D'Ottavia). I venerdì curati da Stefano Mannucci, scrittore e giornalista de "Il tempo" il quotidiano della Capitale.

Venerdì sera, nel luogo dove la musica e le parole delle canzoni amano fondersi e creare una dimensione che lo stesso Mannucci definisce magica, Carmine Torchia ha incontrato il pubblico presente mettendosi a nudo parlando di sé e spogliando i brani tratti dal suo album "Mi pagano per guardare il cielo" con l'obiettivo di proporli in acustico.


Ne è nato un viaggio musicale condotto e diretto da Stefano Mannucci che, in un'ora e mezza, ha avuto il tempo di esplorare percorsi che lo stesso Carmine ha, poi, definito imprevedibili. In realtà Mannucci, al riparo dalle intemperie di una serata che ha messo a dura prova la Capitale è riuscito, anche questa volta, a rimettere ordine alle tracce acustiche che Carmine aveva involontariamente sparso durante l'incontro.

Il pubblico ha avuto, così, modo di conoscere per la prima volta le canzoni dell'album d'esordio di Carmine Torchia e di assaporare, con gusto, la riscoperta di brani che continuano a rappresentare un punto di riferimento importante per la canzone d'autore. Per l'occasione Carmine ha eseguito brani di Piero Ciampi, Luigi Tenco, Domenico Modugno, senza dimenticare una piccola citazione alla sua passione giovanile che, in qualità di bassista, lo ha legato alla musica progressive per diverso tempo.

Carmine Torchia cresce a Sersale (CZ), attualmente vive a Roma. E’ laureato in Architettura, nei ritagli di tempo si dedica alla pittura. Ha aperto concerti di Stefano Rosso, Peppe Voltarelli, Niccolò Fabi, Eugenio Bennato, Moltheni, Tonino Carotone. Nel 2005 partecipa a "Musica Controcorrente", aggiudicandosi il Primo Premio, il Premio alla personalità artistica ed il Premio Città di Poggio Bustone.

Il 2008 vede l’uscita del primo lavoro discografico per la Castorone Edizioni Musicali, "Mi pagano per guardare il cielo", presentato alla Fiera del Libro di Torino; viene affiancato nella produzione artistica da Francesco Valente. L’album viene portato in giro in un viaggio-tournèe di quattro mesi, "Piazze d’Italia (sulle tracce di de Chirico)".

L’artista si esibisce in versione acustica, voce e chitarra, in più di trenta date, toccando le maggiori città italiane con piccole incursioni anche in Francia e Svizzera, sperimentando un modo alternativo di promozione: nelle piazze durante il giorno, alla sera nei locali. Si aggiudica il Premio della Critica al "Cantautori Bitonto Suite"; il Primo Premio e il Premio per il miglior testo al concorso "Dietro la nuca della città".
Nel 2009 con "Quest’Amore" partecipa alla XX edizione di "Musicultura", conquistando il Premio SIAE alla migliore musica e il Premio AFI per il miglior progetto discografico e migliore interpretazione. Piazze d’Italia, oltre che un viaggio diventa un libro (Prospettiva Editrice), un cortometraggio e uno spettacolo teatrale.
Il 2010 è un anno di sperimentazioni nell’ambito dell’arte contemporanea: esce per EventoArea il cofanetto "Alterazioni - processi sintatticamente simili", un lavoro sull’opera aperta con un saggio di Loriana Ambusto, che racconta la performance fatta nella Facoltà di Architettura di Reggio Calabria. All’interno il DVD della performance e il CD "Io", una suite sull’identità in chiave progressive rock. Alterazioni è anche un tour.

Sempre nel 2010, nel mese di agosto, ha preso parte al Festival di Solarolo, presentando un brano dedicato alla vita di Piero Ciampi e nel mese di novembre è arrivato nella rosa dei 10 della sezione Sanremo Doc istituita da Area Sanremo.

Carmine ha da poco concluso lo spettacolo "Mi faccio in quattro" (16-17-18-19 dicembre 2010 a Roma).

Quest'anno Stefano Mannucci ha avuto modo di ospitare sulle "mattonelle magiche" del "N'Importe quoi" nomi che lo stesso Mannucci non ha dubbi a definire la vera verve di un rinnovamento culturale musicale nascente. Stiamo parlando di Angelica Lubian, Luigi Mariano, Chiara and the Kids, Marco Guazzone, Francesco Spaggiari, Rossella Seno, Francesco Forni, Jacopo Ratini tanto per citarne alcuni.

di Giovanni Pirri

Articolo scritto da allinfo - Vota questo autore su Facebook:
allinfo, autore dell'articolo Carmine Torchia L'ultimo Artista Del 2010 Sulle Mattonelle Magiche Del N'importe Quoi
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Altro
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Altro
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione