Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Gunnar Myrdal, Sociologo, Economista E Premio Nobel Svedese


24 gennaio 2011 ore 21:06   di kekere  
Categoria Altro  -  Letto da 664 persone  -  Visualizzazioni: 1322

Di Gunnar Myrdal, il pregioso sociologo svedese, si è detto giustamente che è il solo studioso che abbia scritto due libri capaci di cambiare la storia, e ciascuno in modo del tutto diverso dall'altro, a detta di John Fisher, uno degli osservatori più acuti del mondo scientifico americano.

Il primo libro fu An American Dilemma: The negro problem and modern democrazy ( Un dilemma americano: il problema negro e la moderna democrazia ), pubblicato nel 1944, un'indagine sul diverso trattamento sociale e sulle discriminazioni di cui sono fatto oggetto i negri e che influì sull'andamento dei rapporti razziali negli stati Uniti.


Nel 1968, dopo dieci anni di lavoro, Myrdal pubblicò un'altra opera monumentale, Asian Drama: An inquiry into the poverty of nations ( pubblicato in Italia dal Saggiatore nel 1971 con il titolo Saggio sulla povertà di 11 paesi asiatici ).

Gunnar Myrdal, Sociologo, Economista E Premio Nobel Svedese

In esso l'autore criticava senza mezzi termini la tradizionale politica degli aiuti economici, e vedeva in radicali riforme istituzionali nei paesi non abbienti il solo mezzo per mettere questi ultimi in grado di emergere dalla loro secolare miseria.
Il suo messaggio pienamente recepito, ha influenzato ancora la storia.
Gunnar Myrdal conosce bene l'Italia, un paese che ama e che certe volte gli fa molta rabbia, perché quì ha soggiornato a lungo.
Il suo severo giudizio sul nostro paese è racchiuso in questa intervista, una lucida analisi che, nel momento attuale di crisi politica, assume un rilievo particolare.
DOMANDA. Professore Myrdal , crede che in Italia sia possibile una politica pratica ed efficace?.
RISPOSTA. Direi di no, La sensazione generale sull'amministrazione pubblica italiana è di un enorme confusione e di una rilassatezza senza fine.
Non esiste serietà, non c'è rigore nell'applicazione delle leggi.
D'altra parte la vostra leggislazione, a quasi tutti i livelli, è cavillosa, complicata, incomprensibile.
Se c'è qualcosa di buono, di saggio, viene poi annientato da una burocrazia mostruosa, per non parlare della corruzione.

DOMADA. Vuole spiegare meglio?.
RISPOSTA. In Italia ci sono enormi deficenze nella legislazione, che consentono scappatoie e privilegi di ogni genere a chi voglia approfitarne.
Nell'applicazione delle leggi, poi, non c'è assolutamente senso di giustizia, ma piuttosto una prevalente atmosfera di arbitrarietà.
Pubblici Ufficiali, a qualsiasi livello, ignorano regole e direttive che dovrebbero invece osservare scrupolosamente.
Questo stato di cose crea il terreno ideale per il proppagarsi della corruzione.
Quando la licenza e la mollezza dell'apparato diventano un fatto normale, è più che logico che la situazione favorisca l'arrichimento delle persone che hanno in mano il potere politico, sociale ed economico, tutto questo a danno della maggioranza dei cittadini.

Gunnar Myrdal, Sociologo, Economista E Premio Nobel Svedese

DOMANDA. Qual'è il miglior rimedio contro la corruzione?.
RISPOSTA. La corruzione può essere combattuta, o anche eliminata, con una coraggiosa e seria politica di riforme che, invece di essere una palla al piede per la società, come alcuni economisti sostengono, permettono di costruire una base formidabile per uno sviluppo economico più stabile e più rapido.
E' innegabile che una società ben equilirata, proiettata sempre verso una maggiore giustizia sociale, verso un benessere equamente distribuito con un rigoroso sistema fiscale, rappresenta un successo notevole anche dal punto di vista economico.
Ma non mi sembra che sia il caso dell'Italia.
DOMANDA. Che consigli da agli italiani?.
RISPOSTA. Credo che gli italiani dovrebbero superare un certo provincialismo, lo chiami anche complesso di inferiorità, che li fa apparire sempre un pochino peggio di come realmente sono.
Insomma, sono convinto che nel momento stesso in cui iniziaste a considerarvi più europei, meno italiani, o perlomeno all'altezza degli altri popoli europei, metà dei vostri malani scomparirebbero, o almeno sembrerebbero meno drammatici.
A buon intenditore poche parole, resta ancora una frase tipo per Myrdal: - Ciò che rende gli uomini vili è commettere il peccato di tacere quando invece dovrebbero levare alta la voce in segno di protesta -.

Articolo scritto da kekere - Vota questo autore su Facebook:
kekere, autore dell'articolo Gunnar Myrdal, Sociologo, Economista E Premio Nobel Svedese
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Altro
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Altro
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione