Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Il Bambù, L'albero Sacro


22 settembre 2010 ore 09:09   di kekere  
Categoria Altro  -  Letto da 1151 persone  -  Visualizzazioni: 2482

Contrariamente a quanto si crede, il Bambù non è un albero, ma una pianta erbacea: la famiglia appartenente alle Graminacee, tribù Bambusee, secondo la battuta di spirito di un naturalista, è un'erba che ha l'audacia di atteggiarsi ad albero.

Il Bambù è tanto diverso dagli altri vegetali che ha bisogno di una terminologia speciale: invece di tronco che indica fusto pieno, i botanici usano il termine culmo, che indica lo stelo cavo del Bambù con i caratteristici nodi.


Così la parola radice è sostituita da rizoma, che meglio descrive quella fertilissima rete sotterranea da cui si svilippano i nuovi germogli, ciascuno con le sue piccole radici: tutte le speci appartenenti alla famiglia delle Bambusee prosperano nei climi caldi o addiriitura torridi.

Il Bambù, L'albero Sacro

Alcuni secoli fa i primi germogli furono trasportati per migliaia e migliaia di chilometri fino a queste zone e trapianrtati; cosa straordinaria, i germogli attecchirono.
Le maggiori qualità del Bambù sono il vigore, la vitalità e la fertilità: può sopravvivere nelle peggiori condizioni ambientali: resiste senza danno al gelo, ghiaccio e neve.
Il Bambù trae la sua enorme vitalità dalle radici che fitte ed intricate, appena sotto il suolo collegano direttamente tra di loro i vari boschi di Bambù.
Questo cordone ombelicale permette all'intera famiglia di dividersi altruisticamente l'acqua ed il nutrimento e di propagarsi senza fine.... o quasi.
In realtà quando una pianta di Bambù fiorisce, subito dopo muore: questo si verifica molto di rado, circa ogni sessanta o centoventianni.
Prima fiorisce una sola pianta, nel giro di un anno o due, l'intero bosco si riveste di piccoli fiori bianchi, e tutto il bosco muore.
Già nella preistoria la Cina rendeva omaggio al Bambù come ad uno dei Quattro Venerandi Signori: l'orchidea, il susino, il crisantemo ed il bambù.

Il Bambù, L'albero Sacro

I saggi attribuivano a queste piante poteri mistici od addiritura divini.
Il Bambù era anche annoverato fra i Tre Amici ( insieme al pino ed al susino ): era il simbolo del divino BUDDHA, mentre le altre due piante simboleggiavano i grandi filosofi CONFUCIO e LAO TZU.
Nel loro insieme, rappresentavano quindi i tre pensatori più autorevoli della storia cinese ed erano universalmente accettati come simboli della felicità e della fortuna.
Il Bambù come dicono gli esperti, ha la stessa duttilità del ferro.
Riuscì perfino a sopravvivere alla bomba atomica sganciata su Hiroshima: nell'epicentro dell'esplosione furono rinvenuti giovani germogli che si stavano sviluppando regolarmente.
L'impiego del bambù è quasi universale, da medicine a fertilizzanti, la carta, legno, alimentare, antiveleno eccettera.
Il Bambù è decisamente più remunerativo di ogni altro legname, il valore di un bosco di bambù aumenta del 20% ogni anno, e produce reddito ogni anno, e non sono necessari nè trapianti nè sarchiature.
Il denaro investito in alberi che crescono lentamente rimane inutilizzato per molto tempo; il bambù ogni anno produce un certo utile, ed è quindi un investimento più che sicuro.
Come abbiamo visto, il Bambù può essere qualsiasi cosa per qualsiasi uomo.
Sferzato dal vento o nella tranquillità che segue la tempesta, sa suscitare emozioni e stimolare la mente.
Diritto e flessibile, generoso ma temibile per la sua forza, esso è dotato di tutte le qualità di un erba arborea,
Possiede l'elasticità di un atleta, la grazia di una ballerina e la bellezza semplice di una donna raffinata ed elegante.
E' un inestimabile insieme di doti naturali, armonica belleza e fascino.
E' semplicemente unico al mondo, ed anche i Panda ne vanno pazzi dei germogli di Bambù.

Il Bambù, L'albero Sacro

Articolo scritto da kekere - Vota questo autore su Facebook:
kekere, autore dell'articolo Il Bambù, L'albero Sacro
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Altro
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Altro
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione