Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Il Jolly Dei Temperini, Il Coltellino Svizzero


12 dicembre 2010 ore 19:39   di kekere  
Categoria Altro  -  Letto da 2272 persone  -  Visualizzazioni: 4494

Milioni di persone in tutto il mondo hanno scoperto che il coltellino rosso con la croce della svizzera è un utensile dagli usi praticamente illimitati: semplice, compatto, funzionale, il coltello in dotazione all'esercito elvetico sta comodamente in una tasca od in una borsetta.

Prodotto da due ditte, la Victorinox di Ibach nel Cantone di Schwyz e la Wenger S.A. di Delemont nel cantone del Giura: il manico è in plastica color rosso vivo; tutte le altre parti sono in acciaio inossidabile, non soggetto alla corrosione.


Nella versione più piccola il coltello ha due lame, il modello per pescatori dispone anche di un attrezzo per squamare i pesci e di una piccola calamita per estrarre l'amo; esistono poi altri modelli per cacciatori, ciclisti e sciatori; la versione più completa si chiama Champion.

Il Jolly Dei Temperini, Il Coltellino Svizzero

In questo modello gigante vi sono ben 16 lame od accessori, per 24 usi diversi.
Si trova di tutto: dalla lima per unghie all'apribottiglie, dal tagliafili al cacciavite; c'è perfino una lama seghettata ed una minuscola lente d'ingrandimento.
Tutto ciò trova posto in questo coltellino che entra comodamente in un pugno e pesa meno di 170 grammi.
Quando tutte le lame sono aperte, il coltello sembra un gigantesco millepiedi.
Tuttavia ha una sua bellezza, tanto che il Museo di Arte Moderna di New York lo ha incluso tra le opere esposte.
Il coltello dell'esercito svizzero, prima assai diffuso, ma solo sul territorio nazionale, è adesso uno dei principali articoli d'esportazione della Confederazione Elvetica: vengono prodotti ogni anno oltre 5 milioni di pezzi, venduti in 90 paesi.

Il Jolly Dei Temperini, Il Coltellino Svizzero

La storia del coltello militare svizzero cominciò nel 1834, quando Carl Elsener rientrato nella sua natia Svizzera dopo un periodo di apprendistato in Germania a Tuttlingen, roccaforte dell'industria tedesca per la fabbricazione di coltelli, si mise in proprio ed apri una officina ad Ibach che altri non è, oggi, che la Victorinox.
Dopo aver visto l'ultimo modello Champion, ed aprendo le lame ad una ad una si scopre l'essenza stessa della Svizzera e si capisce il perchè questo paese funziona tanto bene.
Che cosa è che lo rende tanto caro ai ragazzi e ragazze, ai pescatori, ai turisti, ai piloti di aviogetti, a tutti insomma; basta avere un pò di pazienza e si capisce perchè nessuno ne può fare a meno.

Il Jolly Dei Temperini, Il Coltellino Svizzero

Articolo scritto da kekere - Vota questo autore su Facebook:
kekere, autore dell'articolo Il Jolly Dei Temperini, Il Coltellino Svizzero
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Altro
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Altro
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione