Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Il 9 Novembre1966 E La Morte Di Paul Mccartney, Una Leggenda Che Continua


8 giugno 2010 ore 23:57   di rodido  
Categoria Altro  -  Letto da 4788 persone  -  Visualizzazioni: 7538

Se ne parla da anni. Nella notte del 9 novembre 1966 nel Sussex una contea poco a sud di Londra, Paul McCartney trovò davvero la morte in un incidente stradale?

L'11 ottobre 1969 il DJ di una radio di Detroit, Russel Gibb, riceve una misteriosa telefonata da un interlocutore che gli dichiara di essere a conoscenza di una notizia sensazionale riguardante i Beatles. Paul McCartney sarebbe morto in un incidente d'auto nel 1966 e sostituito in tutta fretta dai membri superstiti con il sosia William Campbell (i Beatles avevano molti sosia che utlizzavano all'epoca per sviare fans e giornalisti). Il misterioso interlocutore consigliava anche a Gibb di guardare meglio certe copertine dei dischi dei Beatles e di ascoltare con attenzione i finali di alcune canzoni, in alcuni casi facendole anche suonare al contrario.


Nasce la leggenda della morte di Paul McCartey sulla quale sono stati scritti libri e fatti reportage giornalistici anche recenti. Cerchiamo di raccontare le prove più convincenti portate da sostenitori di questa teoria.

Sicuramente dopo il 9 novemre 1966 il modo di fare musica dei Beatles cambia, il primo 33 giri dopo la "tragedia" è l'album Revolver vero punto di svolta musicale della Band. Niente più concerti in pubblico. Anche il modo di vestire cambia, niente più uniformi e films scanzonati.

Il 9 Novembre1966 E La Morte Di Paul Mccartney, Una Leggenda Che Continua

Ma veniamo agli indizi. La famosa copertina dell'Album Abbey Road vede i fab four in processione (un corteo funebre?), l'unico a piedi nudi e Paul come nei cerimoniali funebri orientali. Inoltre porta una sigaretta con la mano destra lui che notoriamente è un mancino.

Il 9 Novembre1966 E La Morte Di Paul Mccartney, Una Leggenda Che Continua

Passiamo ad un'altra celebre copertina forse del 33 giri più famoso della storia della musica pop. Qui il gruppo sembra presenziare ad un funerale, ma di chi? Con i fiori in basso vediamo una chitarra a 4 corde, il celebre basso di Paul! Tra le personalità in copertina troviamo lo scrittore noir Edgar Allan Poe e soprattutto il mago (tacciato di satanismo) Aleister Crowley. Su Paul campeggia una grande mano benedicente ....

Il 9 Novembre1966 E La Morte Di Paul Mccartney, Una Leggenda Che Continua

Ma oltre alle copertine anche nelle tracce musicali sono disseminati diversi indizi. Nelle celebre Eleanor Rigby, Padre McKenzie prepara un sermone per una cerimonia cui nessuno assisterà, forse il funerale segreto di Paul McCartney.

E poi ci sono i famosi finali delle canzoni dei Betles pieni di tracce registrate al contrario o di suoni apparentemente indecifrabili. I messaggi che si colgono sono tanti. in “I'm the Walrus” riproducendo al contrario una voce di sottofondo si sente dire: “Ah ah, Paul is Dead" (cioè. “Paul è morto”). Nel brano “I'm so tired”, il grande amico Lennon nel finale con voce confusa, ascoltata al contrario, direbbe: “Paul is dead man: miss him, miss him, miss him!” (cioè “Paul è morto uomo, mi manca, mi manca, mi manca…”).

Ma gli indizi sono tanti, troppi per poterli considerare coincidenze. A questo punto due sono le possibili interpretazioni, la prima è appunto che si celi la verità tenuta nascosta dal 1966. L'altra è che i Beatles abbiano volutamente alimentato questa leggenda.

Articolo scritto da rodido - Vota questo autore su Facebook:
rodido, autore dell'articolo Il 9 Novembre1966 E La Morte Di Paul Mccartney, Una Leggenda Che Continua
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!


Commenti

 
  • matteo
    #1 matteo

sarebbe il sosia con il piu grande talento musicale di tutti i tempi, persino maggiore del fantomatico paul morto.

Inserito 9 giugno 2010 ore 00:24
 
  • ALL YOU DON T NE..
    #2 ALL YOU DON T NE..

Bastaaaaaaaaaaa! Non se ne può veramente più. Sono anni che i giornalisti ce le sfrantano con la leggenda 'Paul is dead'. NON E' VE-RO! BAS-TA! Ma perchè i media scrivono 2 righe (al massimo) quando Paul fa uscire un nuovo album e invece ogni settimana da 40 anni ce li disintegrano con questa facezia del PID? Ma davvero non c'è nient'altro di cui parlare? Con immutata stima, Un fan che non ne può più di essere fermato da amici e conoscenti ogni settimana con la domanda: "Ma allora è vero che Paul è morto?" BAAAAASTAAAAAAAAAAA!

Inserito 9 giugno 2010 ore 10:29
 
  • domenico
    #3 domenico

REVOLVER è stato inciso prima della PRESUNTA morte....almeno che non si voglia dire che avevano previsto la successiva morte di Paul ...chi racconta queste frottole almeno si informi prima. Viva Paul e viva i Beatles...

Inserito 9 giugno 2010 ore 10:43
 
  • miley
    #4 miley

i love you the beatles!!!:):):)

Inserito 3 marzo 2011 ore 20:06
 
  • miley
    #5 miley

bravo paul mccartney!!t.v.t.b

Inserito 3 marzo 2011 ore 20:07
 
  • miley
    #6 miley

paul mccartney non è morto!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Inserito 3 marzo 2011 ore 20:09
 
  • anny
    #7 anny

Grazie a Dio siamo nel 2011 e abbiamo la possibilità di risolvere "casi" idioti cm questo. fate un esame del DNA, comparate il gruppo sanguigno e nn rompete più co ste caxxate!!!

Inserito 14 marzo 2011 ore 15:29
 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Altro
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Altro
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione