Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Il Tesoro Di Faenza E La Mostra Con Ingresso Gratuito Del 21 Aprile 2012


10 aprile 2012 ore 17:50   di AntonioNurra  
Categoria Altro  -  Letto da 549 persone  -  Visualizzazioni: 870

Il 29 giugno 1797 sul territorio italiano per la prima volta sventola il tricolore verde, bianco e rosso della Repubblica Cisalpina. Quasi un anno prima, in quel 20 "vendemmiaio" corrispondente all'attuale 11 ottobre 1796, per volontà del Generale Napoleone Bonaparte e con una cerimonia a dir poco solenne si era costituita la "Legione Lombarda": unità militare divisa in 7 coorti che adotta la bandiera tricolore. I suoi 3741 uomini provenivano da tutto il territorio italiano e due di loro si chiamavano Ugo Foscolo e Vincenzo Cuoco.

Armati del coraggio generato più dagli ideali che da un sapiente addestramento alle armi, durante il 1797 combattono numerose battaglie contro lo Stato Pontificio. Una in particolare sulle rive del fiume Senio in località Ponte San Procolo. Non molto lontano da quella Faenza dove già si produceva la ceramica per cui oggi è nota e dove all'epoca in cui trascorrevano i fatti un ignoto cittadino, probabilmente preoccupato dall'approssimarsi delle truppe napoleoniche tra le quali anche la "Legione Lombarda", nascondeva le sue monete prima inserendole in un vaso e poi murando il tutto dietro una nicchia ricavata in una parete.


Nel 1993 il Sig. Vittorio Gambi decide di ristrutturare il suo scantinato nel pieno centro storico di Faenza. Nell'intento di buttar giù l'intonaco sferra una martellata contro una parete e rimane incredulo quando parte del muro crolla sotto i suoi occhi. Guarda meglio e nota una nicchia che nasconde una ciotola di terracotta ricoperta da una lastra di ferro. Apre la ciotola e trova 1175 monete quasi tutte d'argento. Decide di consegnare il tesoro alla Sopraintendenza per i Beni Archeologici dell'Emilia-Romagna ma esterna una precisa richiesta: tutti devono godere di quel patrimonio numismatico.

Il 21 aprile 2012 a Faenza (RA) presso il Credito Cooperativo Ravennate e Imolese, in Piazza della Libertà n. 14 apre la mostra "Il Gruzzolo di Faenza. In mostra un tesoretto di monete del XVIII secolo" e rimarrà aperta fino a venerdì 19 aprile 2013 con gli stessi orari di apertura della banca: lunedì-venerdì 8.20 - 13.20 e 14.30 – 16.30 . L'ingresso è totalmente gratuito e tutte le informazioni possono essere chieste al numero info 331 1753966. Quasi 3 chili di monete composti da grossi, carlini, muraiole, testoni, giulii e doppi giulii, bianchi, baiocchi e mezzi scudi coniati dalle zecche pontificie, leopoldini, talleri, kreuzer e reali giunti fino a noi attraverso una storia incredibile iniziata circa 215 anni fa.

Il Tesoro Di Faenza E La Mostra Con Ingresso Gratuito Del 21 Aprile 2012

Articolo scritto da AntonioNurra - Vota questo autore su Facebook:
AntonioNurra, autore dell'articolo Il Tesoro Di Faenza E La Mostra Con Ingresso Gratuito Del 21 Aprile 2012
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Altro
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Altro
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione