Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Italia - Germania: Tra Miti E Leggenda


9 febbraio 2011 ore 14:34   di AngeloCa  
Categoria Altro  -  Letto da 630 persone  -  Visualizzazioni: 1309

È senza dubbio la sfida calcistica pluriennale più affascinante e ricca di storie, mai una gara scontata o priva di emozioni, ogni singolo calciatore che partecipa a questo evento da sempre il 110% si che si tratti di un’amichevole che di una finale mondiale…semplicemente ITALIA vs GERMANIA. Ma andiamo a ripercorrere un po’ la storia di questa sfida leggendaria ed infinita tra due nazionali e due modi diametralmente opposti di interpretare il calcio.

La prima sfida tra le due nazionali risale al 1939, si trattava di un amichevole a Berlino nella quale i teutonici si imposero per 5-2 sull’Italia pluridecorata di Vittorio Pozzo. Le cronache dell’epoca parlano di una gara truccata e propagandistica atta a esternare la superiorità della razza tedesca, insomma altri tempi altre storie.


Il 17 giugno 1970 a Città del Messico nello stadio Azteca alle ore 16,00 iniziò quella che è stata definita da tutti la partita del secolo. A testimonianza di ciò c’è una targa commemorativa apposta all’esterno dello stadio messicano che ricorda tale evento. Spettacolo puro e un susseguirsi di emozioni, miste tra speranza e disperazione, che non ha avuto equali da nessun altro sportivo. Erano i tempi dell’Italia di Valcareggi e del dualismo Mazzola Rivera, un calcio leggendario ed affascinante che probabilmente oggi non c’è più. Ricordando che questa gara era una semifinale del mondiale 1970, andiamo a rivedere le formazioni:
Italia: 1 Albertosi – 2 Burgnich – 3 Facchetti – 10 Bertini – 8 Rosato (91’ 4 Poletti) – 5 Cera – 13 Domenghini – 15 Mazzola (46’ 14 Rivera) – 20 Boninsegna – 16 De Sisti – 11 Riva a disp. 12 Zoff – 18 Juliano – 22 Prati – 6 Ferrante – 7 Niccolai – 9 Puia – 19 Gori – 21 Furino – L. Vieri
Germania: 1 Maier – 7 Vogts – 15 Patzke(65’ 10 Held) – 3 Schnellinger – 5 Schulz – 4 Beckenbauer – 20 Grabowski – 12 Overath – 13 Muller – 9 Seeler – 17 Lohr (51’ 14 Libuda) a dispos. 21 Manglitz – 2 Hottges – 6 Weber – 8 Haller – 11 Fichtl – 16 Lorenz – 18 Sieloff – 19 Dietrich – 22 Wolter

Italia - Germania: Tra Miti E Leggenda

Partita fantastica dove le due squadre non si risparmiarono. Furono gli azzurri a passare in vantaggio all’ottavo minuto del primo tempo grazie ad una prodezza di Boninsegna. Quando sembrava ormai fatta per gli azzurri al 90’ arriva il pari tedesco di Schnellinger. Un senso di vuoto invade tutto il paese e tutti già pronti a giurare che la gara girar a favore degli avversari. Detto fatto al 4’ del 1° tempo supplementare Germania in vantaggio con Muller. Sembra finita! Macché l’orgoglio e la tenacia azzurra danno alito ad una reazione incredibile che porta prima al pari di Burgnich all’8’ e poi al nuovo vantaggio di siglato da Riva al 14’ del 1° tempo supplementare. Qualsiasi squadra si sarebbe arresa ma non quella Germania che riuscì ancora una volta a trovare il pari grazie al solito Muller al 110’. 3-3! Ma solo dopo un minuto è di nuovo vantaggio azzurro grazie al Golden Boy Rivera che fissa il risultato sul definitivo 4-3. Leggenda pura.

Mondiali 1982 in Spagna, in finale si ritrovano Italia e Germania. 11 Luglio 1982 stadio Santiago Bernabeu va di scena quello che poi sarebbe stato il terzo sigillo azzurro nei mondiali, il primo dopo l’era Pozzo. L’Italia ebbe la meglio in una gara mai in discussione per 3-1 con un rigore sbagliato da Cabrini. Era l’Italia di Bearzot, basata essenzialmente sulla Juventus che a quei tempi dettava legge anche in Europa. Le reti furono di Paolo Rossi, Marco Tardelli e Spillo Altobelli, per la Germania goal della bandiera ad opera di Breitner e dopo si udì l’ormai storico triplo Campioni del Mondo dell’indimenticabile Nando Martellini e le braccia alzate dell’amato presidente Sandro Pertini. Sensazioni uniche!

Italia - Germania: Tra Miti E Leggenda

Un’altra sfida ufficiale fu quella del 1988 nella fase preliminare dell’Europeo Tedesco si divisero la posta con il risultato finale di 1-1. Per gli azzurri andò a segno Roberto Mancini mentre per i tedeschi pareggio Andreas Brehme. Altra sfida nella fase eliminatoria ci fu nell’Europeo Inglese del 1996. Altro pari ma stavolta per 0-0 che costò però carissimo alla squadra dell’allora ct Sacchi che fu eliminata. In questa occasione chi non ricorda il rigore sbagliato da Zola che di fatto sancì la nostra eliminazione.

Italia - Germania: Tra Miti E Leggenda

Il resto è storia recente, con la straordinaria affermazione della nostra nazionale nel Mondiale 2006. Nella semifinale di Dortmund la squadra di Lippi riuscì ad espugnare il Westfalenstadion dove la nazionale teutonica era fino ad allora imbattuta. Ci pensarono le magie di Fabio Grosso ed Alessandro Del Piero ad abbattere questo tabù. Vittoria, questa che spianò agli azzurri il quarto titolo mondiale.

Articolo scritto da AngeloCa - Vota questo autore su Facebook:
AngeloCa, autore dell'articolo Italia - Germania: Tra Miti E Leggenda
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Altro
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Altro
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione