Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

La Vita E' Una Lunga Commedia E Non Si Paga Il Biglietto


15 agosto 2016 ore 19:10   di EugenioNatali  
Categoria Altro  -  Letto da 207 persone  -  Visualizzazioni: 274

Citando e cambiando poco la celebre frase di Henry Chinaski , frase che con il passare dei decenni sembra stia divenendo sempre piu' vera in ogni aspetto della societa' occidentale. Ci appare una situazione da grande manicomio, dove i malati vagano liberamente da un posto all'altro senza un vero controllo. Pensare che tutto sia una grande commedia, ormai appare forse la soluzione piu' vicina alla sopravvivenza dei nostri cervelli ?

Arriviamo la mattina in spiaggia, il mare , la sabbia, il cielo , l'ombrellone, il lettino, la borsa, i teli e i nostri corpi. Il colore del mare e' verde marrone, il fondo vischioso, i sassi ricoperti di alghe gialle. Uno chiede, ma i depuratori ? non ci sono mai stati, risponde un altro. Da lontano arriva un grido, ao qua l'acqua e' calla! allora i bambini corrono tutti verso quel punto. Sara' che la notte prima aveva tirato una forte tramontana, l'acqua dice un altro e' piu' pulita del normale, ma e' fredda.


In citta' l'aria pumblea e colma di umidita' ci lascia senza forze, mentre quello che acquistiamo di prima necessita' diviene ogni giorno piu' corroto, meno nobile e meno nutriente. Le automobili enormi guidate da uomini soli , da donne sole. Che si muovono in eterne code verso sempre gli stessi luoghi. Che consumano, che lavorano e quindi vivono per consumare beni che altri hanno prodotto e inserito nel commercio.

L'acqua potabile e pura , il nostro bene piu' importante, sta divenendo un problema. In molte citta' la gente usa dei filtri per pulirla ma fondamentalmente quel bene e' divenuto per quasi tutti,un costo. Le acque imbottigliate in plastica vengono usate e gettate, se non riciclate o comunque stoccate adeguatamente, questa plastica inquinera' per molto tempo, dai 100 ai 1000 anni circa, dipende dal tipo di plastica. Percorro in auto una strada provinciale dopo che le sono state tranciate le siepi ai suoi bordi e quello che vedo sono rifiuti di plastica. Questo e' quello che devo vedere ogni giorno? rifiuti? la natura inquinata per sempre?

Allora la commedia che mi si presenta ogni giorno se provo ad accendere la televisione , e' una sorta di nevrosi spastica degli emisferi della psiche, gli attori tutti quanti di questo grande circo, vivono a stretto contatto con il grande Network , il capo di tutti i media del mondo. Colui che se vuole , ti fa scoppiare una guerra nel Golfo, ti tira giu' due torri gemelle nel centro di Manhattan , ti fa credere agli UFO , ti spappola in cervello con i Simpsons e co, mentre succhi caramelle gommose fatte con le ossa delle carcasse.

Allora ridi, li osservi e ridi, ma devi ridere anche di stesso amico mio, gli dico. Perche' anche tu sei nella grande giostra ormai e non ci puoi fare niente, un altro osserva. Ma gli dice la signora accanto, guardi che sono le piccole gioie a dare significato alla vita, lei deve avere fede. Silenzio. Poi mi giro verso la strada che scorre, che vedo? due gatti tranciati da una jeep, abbasso gli occhi, che fare? Un altro si alza, preme il pulsante della fermata e tenta di dire qualcosa, ma nessuno lo ascolta. Neanche io. Alla fermata ci sono gli zingari con i loro trolley pieni di tesori. I rifiuti riciclati, si vede che se c'e' un grande architetto e' lui il primo a volere questa grande commedia. Allora rido anche io oggi e ride pure quello davanti a me, mi dice che De Rossi questo anno fara' vincere alla Roma qualcosa di importante, io gli chiedo ma Spalletti invece no ?

Cambio marcia sul viadotto e scendo per una consolare, odore di rifiuti penetra il mio abitacolo, non posso fare niente. Devo vivere tra i rifiuti, perche' sono nato in una societa' che produce solo rifiuti, consuma solo rifiuti. Leggo 180 tonnellate al giorno? penso , me lo merito anche io, giusto o sbagliato. E' questo l'ambiente in cui vivo, e l'unica cosa che faccio dalla mattina alla sera e' produrre rifiuti, di ogni tipo. E lo fanno anche tutti gli altri. Che fare? Scappare

Allora scappi sull'isola e vai in spiaggia e cosa trovi? Rifiuti.Allora anche nel resto del mondo, l'unica cosa che la maggiorparte degli esseri umani produce, sono rifuti . Ma dai non ci posso credere, ma se ti dico che ci sono alcune correnti oceaniche che trasportano rifiuti per migliaia di tonnellate in tutto il mondo? io ho letto delle alghe assassine che stanno distruggendo la fauna dell'oceano pacifico. dove? ho letto un articolo su internet . Secondo me ci stai prendendo in giro. Allora oggi e domani ridero' anche io mentre con vergogna assaggio un cheeseburger al petrolio.

Articolo scritto da EugenioNatali - Vota questo autore su Facebook:
EugenioNatali, autore dell'articolo La Vita E' Una Lunga Commedia E Non Si Paga Il Biglietto
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Altro
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Altro
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione