Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Le Console Di Gioco: Dal Passato Al Futuro


7 ottobre 2010 ore 23:31   di Zack  
Categoria Altro  -  Letto da 387 persone  -  Visualizzazioni: 560

Le console di gioco hanno quasi 40 anni. In tutto questo periodo le lineette lampeggianti si sono trasformate in personaggi fotorealistici che presto si materializzeranno in 3D nel nostro salotto.

Provate a immaginare: acquistate una console di gioco per 290 euro, la collegate al televisore e scoprite che visualizza semplicemente punti e linee in bianco e nero. Oggi, sarebbe una valida ragione per chiedere la sostituzione, ma di sicuro impressionò fan dei videogiochi nel 1972: quando la consolle Odissey di Magnavox venne lanciata al prezzo di 75 dollari (corrispondenti a circa 290 euro di oggi), era corredata da alcuni sfondi che dovevano essere attaccati al televisore e che fungevano da campi di gioco per diversi game. I punteggi andavano segnati a mano su un pezzo di carta. Tuttavia, del dispositivo furono vendute tra 100000 e 360000 unità, secondo fonti contrastanti.


Ciò che la Odissey dalle console moderne è la sua progettazione tecnica. A causa dell'assenza di microprocessori, al contempo potenti ed economici, il computer analogico non aveva né GPU né memoria RAM e i giochi erano integrati nell'hardware. I componenti digitali apparvero per la prima volta quattro anni dopo il Channel F di Fairchild, che disponeva di sufficente potenza di calcolo per rendere possibile l'intelligenza artificiale e gli avversari gestiti dal computer. Tuttavia, queste funzioni poterono essere immesse per la prima volta sul mercato con l'Atari 2600. Solo poco più tardi, la tecnologia raggiunse un tale livello di miniaturizzazione che la società statunitense Milton Brandley, produttrice di giochi, potè lanciare la prima console portatile (Microvision) con giochi intercambiabili. Tuttavia, il display troppo piccolo e lo scarso numero di giochi disponibili ne decretarono ben presto la fine.

Le Console Di Gioco: Dal Passato Al Futuro

Nel 1983, l'industria videoludica degli USA una profonda crisi e diversi produttori dichiararono fallimento. Il motivo principale riguardava in particolare il successo del personal computer, che non solo era competitivo dal punto di vista economico, ma consentiva di piratare facilmente i videogiochi. La crisi terminò nel 1985 quando Nintendo lanciò il Nes (Nintendo Entertainment System) negli Stati Uniti e un ano dopo in Europa. Una forte attrazione era costituita da Super Mario Bros., primo gioco del genere "side scrolling jump'n runs", uno dei generi di videogiochi di maggiore successo di questa era.

In questi anni l'industria dei videogiochi spostò la propria sede dagli USA im Giappone. Nei dieci anni successivi Nintendo registrò un boom senza recedenti: con il Game Boy l'azienda realizzò la console portatile di maggiore successo del suo tempo. Lo Snes (Super Nes) portò sulle console da tavolo la tecnologia a 16 bit ed ebbe un fantastico successo di vendite.

Le Console Di Gioco: Dal Passato Al Futuro

Nel 1994 però arrivò Sony PlayStation: un sistema a 32 bit con grafica 3D e giochi su cd-rom. La PlayStation, se si esclude il suo successore, è stata la console di gioco più venduta di tutti i tempi e spodestò Nintendo. Finalmente nel 2005, un produttore americano ridiede vita alla concorrenza con le Case giapponesi: Microsoft iniziò seriamente con la prima Xbox (2001), poi riuscì a mettere la PlayStation sotto pressione con il suo successore Xbox 360. Nemmeno la PlayStation 3 con lettore Blu-ray è riuscita a forzare il pressing.

Tuttavia, entrambe le società non avevano fatto i conti con il ritorno di Nintendo: nel 2006 la sua console Wii ha sostituito al gamepad un controller sensibile al movimento e ha convinto 10 milioni di utenti.

Le Console Di Gioco: Dal Passato Al Futuro

Ora i concorrenti stanno cercando di battere Nintendo con le sue stesse armi. In questo stesso periodo Sony con il PlayStation Move ha lanciato sul mercato un controller di movimento pressoché identico. Microsoft contrattacca con Kinect, una videocamera di controllo che non necessita di un controller. Da poco è arrivato anche un update 3D per la PS3, così come per il Nintendo DS. Saranno i giocatori a stabilire chi vincerà e, a volte, basta un paio di punti e linee.

Articolo scritto da Zack - Vota questo autore su Facebook:
Zack, autore dell'articolo Le Console Di Gioco: Dal Passato Al Futuro
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Altro
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Altro
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione