Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Operation Flashpoint: Red River - Realismo E Divertimento A Piene Mani


27 gennaio 2011 ore 20:06   di blackstar  
Categoria Altro  -  Letto da 463 persone  -  Visualizzazioni: 886

L'anno scorso gli appassionati di FPS militari hanno atteso con ansia l'uscita di Operation Flashpoint: Dragon Rising, ma i difetti dell'IA e alcuni problemi tecnici hanno affievolito l'entusiasmo per il ritorno di questa celebre saga, Codemasters ha così deciso di ricostruire la serie dalle fondamenta, con un sequel che, pur essendo più curato per quel che riguarda trama, gameplay co-op e personalizzazione del personaggio, mantiene la predilezione per il realismo.

Anche in questo capitolo si controlla una squadra composta da quattro marine americani in un conflitto immaginario. Nella trama di Red River, ambientata in un futuro non lontano, l'esercito americano ha spinto i ribelli afgani sulle montagne del Tajikistan, un paese che confina con l'Afghanistan e la Cina. Quando gli scontri si spostano più a est, il governo cinese decide di far intervenire l'Esercito Popolare di Liberazione.


I cinesi non ci tengono affatto a far entrare i ribelli nel loro paese e non se lo sognano nemmeno di chiedere alle forze armate USA di aiutarli a difendere le loro frontiere. Quando i due schieramenti si inoltrano ancora di più nel Tajikistan, lo scoppio di un conflitto tra le due superpotenze diventa inevitabile e in breve tempo i giocatori si ritrovano a combattere una guerra su due fronti molto diversi: piccole schermaglie a distanza ravvicinata contro i ribelli afgani e battaglie su scala più vasta contro le forze armate dell'EPL, dotate di mezzi superiori.

Operation Flashpoint: Red River - Realismo E Divertimento A Piene Mani

Queste ultime missioni offrono quelli che sono la specialità della serie, ovvero i combattimenti con armi a media e lunga gittata. Poiché i nemici non mancano, per sopravvivere è indispensabile l'aiuto di alleati molto abili. Fortunatamente la campagna è progettata per il co-op tra quattro giocatori e dà a ognuno di essi la possibilità di entrare e uscire agevolmente dalla partita. Se siete a corto di alleati umani l'IA, che risulta maggiormente sviluppata rispetto a quella del gioco precedente, scende in campo automaticamente ed esegue i vostri ordini per mezzo di una versione migliorata della ruota dei comandi.

Ad aiutare la vostra squadra ci saranno anche due fire team di quattro persone: Alpha e Charlie. Benché non sia possibile controllarle in modo diretto, queste squadre di personaggi non giocanti vi aiuteranno a portare a termine le missioni. Il direttore creativo di Red River, Sion Lenton, ha mostrato i miglioramenti apportati all'IA in un livello che si svolge in una piccola città costruita con shipping container convertiti a uso abitativo (basata su una cittadina realmente esistente). Mentre lui avanzava nel villaggio, i suoi compagni di squadra si sono appostati dietro vari ripari e hanno represso il fuoco nemico; durante questa azione, Sion ha anche dato altri ordini complessi, come difendere obiettivi a rischio.

Operation Flashpoint: Red River - Realismo E Divertimento A Piene Mani

Questi alleati dimostrano di poter essere di grande aiuto in ogni situazione. I giocatori hanno a disposizione anche un maggior numero di opzioni per personalizzare il gioco. Ognuna delle quattro classi selezionabili (fuciliere, granatiere, esploratore e truppe d'assalto) dispone di un proprio set di armi e può sbloccare numerosi upgrade. Ogni volta che farete il vostro ingresso in scena, potrete dotarvi di due perk a scelta fra i tanti pensati per la vostra classe, mentre un sistema di skill point vi consentirà di potenziare le abilità principali del vostro soldato. Codemasters ritiene che queste novità porteranno i giocatori a rigiocare più volte il titolo per creare e potenziare differenti tipi di soldati.

Sia nella campagna che nelle modalità multiplayer sarà possibile accumulare punti esperienza con cui si potranno sbloccare attrezzature e aumentare le proprie abilità. Una delle cose che i giocatori apprezzavano maggiormente di Dragon Rising era il suo realismo e Codemasters non è intenzionata a dormire sugli allori. Tutte le armi da fuoco sono state rimodellate in modo che su di esse siano visibili segni di usura e di danneggiamento, mentre i rumori, la velocità di fuoco, il rinculo e la gittata rispecchiano fedelmente la realtà. In Red River vengono simulati in modo convincente anche i rimbalzi e la frammentazione dei proiettili, così come diversi tipi di esplosioni.

Operation Flashpoint: Red River - Realismo E Divertimento A Piene Mani

Codemasters ci ha riferito che la versione definitiva del gioco comprenderà anche ambienti distruttibili e una simulazione più accurata dei danni che possono subire i personaggi. Ma il realismo con cui vengono simulate le lesioni non riguarda solo i nemici. Se vi beccherete una pallottola, il vostro personaggio comincerà a sanguinare e voi lo dovrete rattoppare utilizzando il pacco di medicazioni d'emergenza (ogni classe, questa volta, dispone di capacità sanitarie), così da limitare il danno. Quando l'emorragia si sarà fermata, potrete riprendere a combattere, ma la ferita inciderà sul vostro rendimento; una lacerazione alla gamba vi farà muovere più lentamente, mentre una lesione al braccio renderà meno precisa la vostra mira. Inoltre, per medicarvi in una maniera efficace, sarete obbligati a rimanere fermi (e senza difese) per un periodo di tempo più lungo.

Pur con tutto questo realismo, Codemasters sta lavorando molto per rendere Red River accessibile agli amanti degli FPS maggiormente focalizzati sull'azione, in quanto riconosce che il realismo conta poco se il gioco non è divertente. A tal fine è stato deciso di fornire ai giocatori diversi strumenti d'aiuto, tra cui un radar che mostra l'ultima posizione conosciuta dei nemici, un HUD migliorato e diversi sistemi di aim-assist; chi ha già maturato una grande esperienza nel campo degli FPS tattici e desidera una sfida più impegnativa sarà comunque libero di disattivare queste funzioni di supporto. Quanto al multiplayer, in una delle modalità disponibili, Last Stand, bisogna difendere una posizione da ondate di nemici (un po' come nella modalità Orda di Gears of War). Tuttavia, una piccola ma ingegnosa modifica apportata al sistema di assegnazione dei punti conferisce a questa modalità un sapore tutto speciale.

Operation Flashpoint: Red River - Realismo E Divertimento A Piene Mani

Per poter salvare il vostro punteggio, dovrete far arrivare un elicottero di soccorso che metta in fuga i vostri avversari; se voi e tutti i vostri compagni di squadra morirete prima dell'arrivo dell'elicottero, il punteggio non potrà essere salvato; si viene così a creare una situazione molto rischiosa nella quale si è sempre indecisi se cercare di ottenere un punteggio più alto o salvare i punti già racimolati. Inoltre, il gameplay in generale ci è sembrato molto più tattico rispetto ad altre modalità simili e le forze nemiche erano tutt'altra cosa rispetto alla solita carne da macello, merito della nuova IA che permette agli avversari di elaborare velocemente tattiche elaborate ed efficaci. Il dubbio più grande che abbiamo su Red River è se Codemasters riuscirà o meno a correggere i difetti che assillavano Dragon Uprising e ad offrire ai giocatori un'esperienza priva di bug il giorno stesso dell'uscita del titolo. È ancora troppo presto per dire se sarà così, ma se siete appassionati degli FPS strategici, rimanete sintonizzati sui canali specializzati per conoscere tutti gli sviluppi.

Articolo scritto da blackstar - Vota questo autore su Facebook:
blackstar, autore dell'articolo Operation Flashpoint: Red River - Realismo E Divertimento A Piene Mani
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Altro
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Altro
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione