Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Orteressia, Quando Mangiare Sano Diventa Una Mania


17 dicembre 2014 ore 17:37   di StellaFree  
Categoria Altro  -  Letto da 711 persone  -  Visualizzazioni: 990

Alimentazione , un tema importante , non è certo una novità che " siamo ciò che mangiamo" .
Scegliere come alimentarci è diventato un lavoro difficile , che richiede attenzione e tempo per informarci .
Il panorama di scelte in merito è alquanto variegato , vegetariani , vegani , crudisti e fruttariani , lettori attenti di etichette spesso incomprensibili .
Tutte scelte molto personali , tutte degne di rispetto .
Negli ultimi anni pero è in aumento un disturbo alimentare di cui poco si parla , l’ortoressia .

Nei paesi sviluppati e industrializzati l’accesso al cibo è facile e la quantità disponibile praticamente illimitata , questo ha incrementato in modo esponenziale anche il numero di patologie al cibo legate .
Anoressia , obesità , bulimia , compulsivo alimentare , diabete e ultima , ma non ultima , l’ortoressia .
Di cosa si tratta ?
Ortoressia , dal greco orthos-correto e orexis-appetito .


Gli ortoressici sono persone che estremizzano la cura dell’alimentazione sana sino alla mania , nulla di confezionato industrialmente entra nelle loro dispense , non acquistano e tanto meno mangiano , prodotti di cui non conoscono l’intera catena produttiva .
Le verdure contengono pesticidi , lo zucchero bianco è un veleno , la carne rossa e il burro provengono d’allevamenti che utilizzano mangimi non consoni e forniscono antibiotici ai capi allevati , si potrebbe continuare cosi per tantissimi alimenti .
Impiegano sino a tre ore al giorno per la preparazione dei pasti .
Il piacere del cibo , più che al suo sapore , è legato al suo grado di salubrità ; nei casi avanzati si arriva a rifiutare la convivialità a tavola , vedere altri mangiare cibi " non sani "provoca loro ansia e ribrezzo , quindi si giunge sino a l’isolamento sociale nei momenti dei pasti .

Il primo medico a individuare questo disturbo fu il dietologo Steve Bratman nel 1997 , che a sua volta si definisce ex ortoressico.
L’orteressia è ad oggi classificata come disturbo alimentare, e come molti disturbi alimentari è figlia dei nostri tempi.
Una società con dei modelli di riferimento inarrivabili , dove , bello e sanno , sono proposti alla base di una vita lunga e felice .
Tenendo presente , che una buona alimentazione è sicuramente la base di un buono stato di salute , che prevenire è meglio che curare , consideriamo anche qual è la definizione di salute :

tratto dalla " Costituzione dell'OMS, " "stato di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplice assenza di malattia",
Pertanto prima d’estremizzare tutto , prima di perseguire modelli assurdi e impraticabili a lungo termine , teniamo presente che la " la virtù è nel mezzo ".

Articolo scritto da StellaFree - Vota questo autore su Facebook:
StellaFree, autore dell'articolo Orteressia, Quando Mangiare Sano Diventa Una Mania
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Altro
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Altro
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione