Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

I Pesci Rossi: Non è Vero Che Hanno Una Memoria Limita


13 febbraio 2017 ore 13:23   di ellebi31-05  
Categoria Altro  -  Letto da 97 persone  -  Visualizzazioni: 108

A scuola e da bambini, tra le moltissime altre cose, si impara ad amare gli animali ed anche per questo a 6 anni, con le maestre e la mia classe, andai in gita in uno zoo e due anni dopo ci portarono al cinema a vedere Free Willy un amico da salvare, film del 1993 che racconta l'amicizia tra un bambino ed un'orca che faceva un po' paura per quanto era grande vedendola sullo schermo del cinema, ma la storia era molto bella.

Sicuramente tra i gradevoli animali che si possono tenere in casa ci sono i pesci rossi, che piacciono moltissimo anche ai bambini, sono belli da vedere tanto da sembrare elementi da arredamento, cosa che però non deve far dimenticare che sono degli esseri viventi e che devono essere accuditi.


Il carassio rosso o ciprino dorato (Carassius auratus), comunemente noto come pesce rosso è un pesce d'acqua dolce. Ha un corpo affusolato ma robusto, la bocca abbastanza piccola, la caratteristica livrea colore rosso-arancio.
È originario dell'Asia orientale, allevato e selezionato dal decimo secolo in Cina e diffuso in Europa alla fine del diciassettesimo secolo.
Esistono diverse varietà con diversi colori e forme del corpo differenti, diverse forme degli occhi e delle pinne; sono molto meno resistenti rispetto al classico pesce rosso.

Sono molto economici da acquistare e da mantenere e facili da gestire per quanto concerne la pulizia. Nel loro habitat naturale mangiano piccoli crostacei e insetti. In acquario si nutrono dell'apposito mangime per pesci rossi che può essere a granuli o in scaglie: lo si può dare una o due volte al giorno in piccole quantità in modo che lo mangino in poco tempo perché sporca l'acqua; se rimane cibo in fermentazione è nocivo e potrebbe provocare la morte dei pesci.
Sono molto ghiotti di mollica del pane: io gliene do pochissima perché troppa potrebbe fare male.

L'acqua la si può cambiare una o due volte la settimana per tre quarti ed è importantissimo sapere che l'acqua del rubinetto va bene ma la si deve lasciare decantare (in un secchio o una bacinella) almeno 10 ore perché la percentuale di cloro presente provoca ustioni chimiche ai pesci.
Passare una paglietta senza detersivo alle pareti e pulire gli elementi decorativi: fare tutto ciò con i pesci all'interno dell'acquario immersi in poca acqua per evitare loro stress che è nocivo anche se, quando si decide periodicamente di pulire tutto l'acquario, si possono trasferire all'interno di una bacinella con l'acqua presa dall'acquario e poi reinseriti delicatamente con tutta l'acqua all'interno di esso.

Devo dire che i pesci rossi possono avere una vita più lunga o più breve anche se si attuano le medesime azioni di pulizia e alimentazione infatti i primi che due che ho acquistato sono vissuti più o meno un anno e mezzo ed i due che ho preso dopo, hanno già tre anni e sembrano in ottima salute o per meglio dire "sono sani come dei pesci".

È assodato che bocce ed ampolle di vetro fanno male ai pesci rossi perché danno loro poco ossigeno in quanto la superficie è ristretta, li obbliga a girare sempre in tondo deformando con il tempo la loro spina dorsale e fa avere una visione distorta di tutto quello che hanno attorno, tutte cose molto stressanti. Mi chiedo come mai ancora oggi in televisione i pesci rossi si vedano quasi sempre in tali contenitori: penso non sia giusto che, sapendo che sono visti da moltissime persone, diano il cattivo esempio e spingano ad acquistare bocce in vetro, facendo soffrire questi pesci.

Per quanto concerne il comportamento anche loro, sembra strano, ma hanno delle diversità: i primi due stavano sempre per conto loro, i due che ho adesso invece quando mi vedono mangiare del pane si avvicinano e si agitano calmandosi solo quando gliene getto un po' nell'acqua, in particolare uno di loro molto spesso si mette nell'angolo dell'acquario, mi guarda e se avvicino il dito fa uno scatto quasi a volerlo mangiare, gioca e non si allontana; se con il dito faccio il tragitto dal basso verso l'alto e fino a quasi in mezzo all'acqua lui lo segue e gioca.
Quando hanno fame si avvicinano al barattolo del mangime, si agitano e lo puntano ed ho visto che lo riconoscono perché prima era messo a sinistra e facevano tutto questo a sinistra, ora è a destra e lo fanno nella parte destra dell'acquario.
Dicono che sono degli animali con memoria breve ed invece tutto quello che imparano non lo dimenticano.

Anche se non sono degli animali che come cani, gatti, uccellini possono essere lasciati liberi ed avere con loro un contatto sono molto piacevoli da vedere e, come ho descritto, interagiscono in qualche modo, giocando, facendo intuire delle cose e danno molta serenità grazie alla loro silenziosità, al vederli girovagare serenamente all'interno dell'acquario, al loro colore allegro.

Si vedono ovunque nelle pubblicità, nei film perché sono veramente molto belli da vedere e, come tutte le cose belle sono sempre presenti e non passano mai di moda.
Per tutte le cose positive e belle, siano esse piccole o grandi, si deve cercare sempre di fare in modo che facciano parte della propria vita perché la rendono in qualche modo più bella.

Articolo scritto da ellebi31-05 - Vota questo autore su Facebook:
ellebi31-05, autore dell'articolo I Pesci Rossi: Non è Vero Che Hanno Una Memoria Limita
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:
Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Altro
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Altro
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione