Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Pier Luigi Bellini Delle Stelle


26 dicembre 2015 ore 12:02   di AbbyGrant  
Categoria Altro  -  Letto da 323 persone  -  Visualizzazioni: 458

Fiorentino di nascita il conte Pier Luigi Bellini delle Stelle si schiera dall'altra parte della barricata in un epoca storica in cui era praticamente impossibile farlo. Il suo titolo nobiliare non lo spaventa. Viene ricordato come un uomo umile, gentile, buono e fiero. Dopo l'armistizio vede con i propri occhi i soprusi nei riguardi delle donne e dei bambini compiute dai nazisti. Guarda impotente i prigionieri stipati nei carri bestiame alla stazione di Campo di Marte. Il suo sdegno nei confronti del sistema cresce... Mussolini e i suoi erano dei sopraffattori che si puntellavano al potere solo grazie all'appoggio tedesco. Il conte Bellini non può restare indifferente. I compagni lo aspettano sui monti strategici del lago di Como e la sua vita partigiana ha inizio.

Nell'aprile del 1945 il distaccamento Puecher della cinquantaduesima brigata garibaldina Luigi Clerici passa al comando del conte Pier Luigi Bellini delle Stelle. Col nome di battaglia "Pedro" guida una manciata di partigiani alla cattura di Benito Mussolini a Dongo. I partigiani bloccano un convoglio militare con a bordo numerosi fascisti in fuga. Seduto in fondo al camion tedesco un uomo con indosso la divisa della Flack, l'antiaerea nazista.


Arrestato all'istante dal commissario Urbano Lazzaro che coaudiuvava Pedro nell'azione partigiana insieme a Michele Moretti, Pietro Gatti e il capo di stato maggiore Luigi Canali. La retata porta all'arresto di numerosi nazisti. Il sottosegretario del consiglio Francesco Maria Barracu, il ministro del PFR Alessandro Pavolini, il ministro delle comunicazioni Ferdinando Mezzasoma, il ministro dei lavori pubblici Ruggero Romano e il ministro dell'intero Paolo Zerbino. In stato di fermo anche l'amante del duce Claretta Petacci.

Pier Luigi Bellini Delle StelleLe Clausule dell'armistizio di Cassibile sancivano che Mussolini doveva essere consegnato vivo agli alleati. In attesa di ordini Pedro trasferisce il duce e la Petacci in una caserma a loro tutela. Gli animi caldi del popolo gridavano lapidazione e il conte Bellini era convinto che gli uomini dovessero avere un giusto processo svolto nelle aule dei tribunali. Sempre a salvaguardia dei prigionieri li riporta a Dongo quando la caserma smette di essere un posto sicuro. Ai molteplici spostamenti partecipano il capitano Neri, Gatti, la staffetta Gianna e i giovanissimi partigiani Giuseppe Frangi e Giuliano Cantoni.

Pier Luigi Bellini Delle StelleNei giorni successivi i partigiani inviati dal comando garibaldino di Milano Aldo Lampredi e Walter Audisio giungono a Dongo subentrandro al capitano Bellini. Gli ordini sono quelli di giustiziare Mussolini e tutti i prigionieri.

Pier Luigi Bellini Delle StelleIl conte partigiano Pier Luigi Bellini delle Stelle assiste alla fucilazione di Benito Mussilini e Claretta Petacci in quell'aprile del 1945 nel comune di Tramezzina in provincia di Como. Lo stesso giorno sul lungolago di Dongo vengono fucilati gli altri prigionieri fascisti.

Pier Luigi Bellini Delle Stelle

Articolo scritto da AbbyGrant - Vota questo autore su Facebook:
AbbyGrant, autore dell'articolo Pier Luigi Bellini Delle Stelle
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Altro
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Altro
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione