Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Raccomandazioni E Rimproveri Non Servono


17 febbraio 2016 ore 09:26   di paoloBlog  
Categoria Altro  -  Letto da 389 persone  -  Visualizzazioni: 531

Quante volte avete sentito le mamme arrabbiarsi dicendo:" ma, te lo avevo raccomandato! Te lo avevo detto prima di partire! Ma perché non mi ascolti?" Oppure in ufficio, è abbastanza frequente sentire "gliel'ho detto cento volte di usare il casco". Vi è mai venuto il dubbio che tutto ciò non serva a nulla?

Le raccomandazioni, nella loro forma "materna" di elenco di cose a cui prestare attenzione, non è altro che un rito che serve alla mamma per essere sicura di essersi ricordata LEI di tutte le cose a cui i figli devono stare attenti, una volta scaricata la lista, si pensa di aver fatto per bene il prorpio dovere, la mamma, o il capoufficio.


I figli in realtà già lo sanno che non devono dimenticare niente a scuola, devono comportarsi educatamente, mettersi la sciarpa, non parlare con gli sconosciuti.Eppure c'è questo rito magico cui sottoponiamo i figli ogni mattina con la recita di formule arcaiche che dovrebbero prevenire l'accadere di tragici eventi quali lo smarrimento del berretto, il rovesciamento del succo di frutta ed altre disgrazie terribili. In realtà "la raccomandazione" non serve proprio a nulla e lo sappiamo bene noi adulti che ci raccomandiamo da soli, e poi falliamo miseramente. Quando ad esempio, fermi al semaforo ci diciamo: "devo ricordarmi di fermarmi al bidone delle immondizie che è a 250 mt", poi arriva il verde, partiamo, insultiamo l'imbranato davanti, guardiamo un cane che attraversa la strada, prendiamo una telefonata ed in trenta secondi, il bidone delle immondizie ci saluta e passiamo via dritti. La raccomandazione non serve a nulla. Un secondo prima di fare una cosa importante c'è sempre la possibilità di distrazione. Succede a noi adulti, figuriamoci ad un bambino.

Raccomandazioni E Rimproveri Non Servono

Ma allora cosa si deve fare, non si può mai dire niente? L'argomento è stato studiato molto dai psicologi del comportamento e non solo per quanto riguarda i bambini ma soprattutto per quanto riguarda gli adulti ed in particolare i lavoratori parlando di sicurezza sul lavoro. Anche in questo caso, come si può fare affinché gli operatori acquisiscano un comportamento responsabile attento alla sicurezza? Sono sufficienti le raccomandazioni "ricordati di mettere il casco"? Qualsiasi cosa noi "diciamo" può essere ascoltata ma inutilmente, se questa non diventa "comportamento attivo consolidato". E' altresì dimostrato che redarguire con rimproveri può essere controproducente perché fa scattare nei bimbi come negli adulti, dei meccanismi di difesa che alzano barriere psicologiche che inibiscono l'apprendimento.

Raccomandazioni E Rimproveri Non Servono
Il vero apprendimento, in tutti i campi, avviene quando l'interlocutore intravede un vantaggio, solo questo meccanismo può invogliarlo a cambiare abitudini o apprendere nuovi atteggiamenti. Per il bambino, il vantaggio può essere il complimento, la felicità dei genitori, insomma serve un "rinforzo" dei suoi atteggiamenti corretti. Vale anche per gli adulti anche se declinato in altro modo. Il vantaggio può essere quello economico o quello di di far notare come un determinato lavoro possa essere anche più comodo se svolto in condizioni di sicurezza. Starà alla bravura del "formatore" trovare i "vantaggi" più adeguati persona per persona.

Articolo scritto da paoloBlog - Vota questo autore su Facebook:
paoloBlog, autore dell'articolo Raccomandazioni E Rimproveri Non Servono
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Altro
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Altro
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione