Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Recensione Libro: Sapevo Tutto Di Lei


14 giugno 2012 ore 17:50   di ideastreet  
Categoria Altro  -  Letto da 599 persone  -  Visualizzazioni: 956

Per cento anni la piccola cittadina di Spring Lake è stata teatro di inquietanti sparizioni di giovani donne, tutte collegate da un filo sottile. In città arriva l’avvocato Emily Graham, discendente della prima vittima, Madeline Shapley. Sarà lei la prossima a sparire? Mary Higgins Clark racconta un giallo dai risvolti inattesi. Travolgente sin dalle prime pagine, in cui il racconto si intervalla con quello dell’io narrante del maniaco, che spesso ricorda le reazioni delle sue vittime al suo istinto omicida, a volte giustifica i suoi intenti ma conserva la ferma intenzione di tornare a uccidere. "Sapevo tutto di lei" è edito da Sperling e Kupfer e anche dai giudizi on line risulta una una bella esperienza di lettura per chi voglia avventurarsi in un thriller.

La protagonista è l’avvocato Graham, personaggio molto affermato nel mondo legale a Manhattan ma intimamente ferito da anni di persecuzioni da parte di un maniaco, identificato nel figlio di una donna assassinata durante una rapina e del cui delitto è riuscita a far assolvere un suo assistito. Appena poche ore dopo aver preso possesso della nuova casa, dagli scavi per la costruzione di una piscina, in giardino, affiora il corpo di una giovane donna, avvolto nella plastica. Nella mano tiene un dito umano. Lo scenario riporta l’angoscia nella vita di Emily, che in Spring Lake aveva cercato la serenità di cui non era più padrona da anni. Il ritrovamento del corpo, poi, la coinvolge direttamente nelle indagini: si tratta di Martha Lawrence, una ragazza sparita quattro anni prima mentre era in visita dai nonni. E nella sua mano il dito di Madeline Shapley, antenata di Emily.


Un’altra minaccia, però, l’aspetta. Il suo maniaco l’ha seguita fino a Spring Lake e purtroppo non si tratta di Ned Koeler, l’uomo che ha fatto arrestare per la continua persecuzione ad Albany. Emily continua a ricevere fotografie che la ritraggono non solo nei luoghi che frequenta ma anche in ogni stanza della casa. Il pericolo si fa sempre più vicino. Tuttavia, per dissipare la tensione, cerca di ricostruire gli eventi che determinarono all’epoca la scomparsa di Madeline. Infatti sembra sempre più improbabile che Madeline fosse stata aggredita da uno sconosciuto e chiunque fosse, doveva conoscere bene il posto e cogliere l’opportunità di seppellirla proprio nel giardino di casa sua. Inoltre, nel giro di pochi anni anche le amiche di Madeline risultavano sparite ed era molto probabile che fosse stata la stessa mano a colpire. Con l’aiuto di vecchie fotografie, i diari della famiglia Lawrence e i libri prestatigli dallo storico locale, il professor Wilcox, riesce ad avere una panoramica della collocazione delle abitazioni, dei personaggi dell’epoca e le circostanze in cui i delitti potevano essere stati commessi.
Un dubbio si fa strada in Emily, negli investigatori e negli organi di stampa: se gli omicidi moderni risultavano identici a quelli di fine Ottocento, era improbabile che fosse lo stesso maniaco a compierli: si trattava di un emulo? O addirittura di un criminale reincarnato per seguire lo stesso schema dei delitti?
La piccola comunità è scossa: altri corpi vengono rintracciati, altri sospetti sollevati, altri delitti commessi, stavolta a danno di una psicologa di Belmar, ben distante da Spring Lake ma nota per essere studiosa di fenomeni di reincarnazione, comprovati dalla regressione ipnotica. Il suo delitto ha senz’altro a che fare con l’assassino. forse ha incontrato qualcuno. Forse qualcuno le aveva ha chiesto di regredire fino alla data del 1891 per poi ucciderla e impedirle di testimoniare.

Intanto il clima va infervorandosi: tra i sospettati, presenti alla festa dei Lawrence la sera della sparizione di Martha, spiccano il nome del professor Wilcox, integerrimo ex rettore di un istituto privato di Spring Lake (le cui dimissioni sono quantomai oscure) e di Robert Frieze, noto ristoratore della zona ma con affari in panne (che sembra soffrire di una strana amnesia di breve periodo). Ma gli investigatori puntano a occhi chiusi su Wilcox: la sciarpa con le perline smarrita dal professore e che ha strangolato le ragazze apparteneva a sua moglie. Wilcox non sa spiegare cosa sia stato della sciarpa. Tuttavia questa ritrovata risulta tagliata, quindi un pezzo è ancora in mano all’assassino e la polizia si aspetta che colpisca il 31 marzo, data in cui ricorre la scomparsa di una delle ragazze. E potrebbe essere Emily, pronipote di Madeline, a farne le spese.

Emily riesce ad avere una intera fornitura di telecamere di sorveglianza dall’amico Eric, che la raggiunge a Spring Lake per montarle. Emily ha cieca fiducia nell’amico, che già una volta aveva fatto la sua fortuna regalandole un pacchetto azionario della sua neonata società informatica. Spaventata dalle proporzioni dell’investimento e dei relativi rischi finanziari, lei si era liberata delle azioni quasi subito, traendone un notevole profitto. Ciò che non sa è che Eric è il molestatore che la perseguita, attribuendole il fallimento dell’azienda dal momento che altri investitori avevano seguito l’esempio di Emily e venduto i pacchetti azionari, con danni inimmaginabili per l’azienda. Ora Eric è una minaccia, e lei gli ha fornito la possibilità di spiare i suoi movimenti da vicino. Ma prima che possa tentare una qualsiasi mossa, un’altra figura si introduce in casa della Graham fornito di un pezzo di sciarpa con perline.

L’assassino si rivelerà una giovane anima corrotta dal seme del male: pronipote anch’egli di un cittadino di Spring Lake a fine Ottocento, i diari dell’avo ne hanno ispirato le azioni malvagie sin da giovane, inducendolo a molestare e uccidere Marta Lawrence e Letitia Gregg, a rintracciare i corpi degli antichi delitti e a fare in modo che fossero trovati. Non vi rivelerò il suo nome: vi toglierei il piacere del libro. Vi suggerisco questa lettura, ricca suspense e di colpi di scena. Il sito dell’editore ne riporta due collane diverse, Pandora e Super BestSeller, in brossura, ma non esiste ancora in circolazione la versione per e-book.

Articolo scritto da ideastreet - Vota questo autore su Facebook:
ideastreet, autore dell'articolo Recensione Libro: Sapevo Tutto Di Lei
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Altro
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Altro
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione