Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Sacchetto Addio!


16 febbraio 2011 ore 08:03   di girl_news  
Categoria Altro  -  Letto da 377 persone  -  Visualizzazioni: 528

Con tre anni di ritardo rispetto alla Finanziaria 2007 che ne sanciva la messa al bando, saranno vietate le buste di plastica. In alcune regioni virtuose il progetto è stato avviato già da alcuni anni con un riscontro positivo da parte dei consumatori.
Quasi tutti, ormai, conoscono l’impatto di questo materiale sull’ambiente, anche se si è abituati a considerare del tutto normale che il negoziante dia il sacchetto.

La fabbricazione di plastica, infatti, assorbe l’otto per cento della produzione mondiale di petrolio e rappresenta il 90 per cento dei rifiuti che galleggiano in mare. Solo il 20 per cento dell’inquinamento marino,infatti, proviene dalle barche, mentre il resto arriva da terra, sospinto dal vento, o attraverso gli scarichi d’acqua.
Questa presenza comporta danni notevoli anche per la fauna marina perché molte specie restano impigliate nelle buste o - peggio - le ingeriscono.
In sostituzione degli shopper in polietilene, i commercianti sono obbligati a offrire modelli biodegradabili in amido di mais, che possono essere utilizzati, fra l’altro, per i rifiuti organici nella raccolta differenziata.


Le nuove buste, però, hanno dei limiti evidenti in fatto di resistenza e di prezzo. Si rompono,infatti, con facilità e costano tra 0,8 e 10 centesimi, a fronte di quelle tradizionali che venivano vendute a 0,5: un rincaro dovuto ai costi maggiori di produzione. Meglio, dunque, ricorrere alla vecchia sporta di stoffa, usata già dalle nostre nonne e dimenticata negli anni. Questa borsa per la spesa è l’oggetto eco trendy per eccellenza e, visti i numerosi modelli disponibili, riesce a soddisfare le esigenze di tutti. Può essere realizzata in materiali diversi come il cotone o la canapa, e avere misure così compatte da essere tenuta comodamente in borsa o nel cruscotto dell’auto. Per gli acquisti medi e grandi,poi, si può ricorrere alle borse più capienti,
che si agganciano al carrello oppure ai tradizionali trolley, svecchiati e riproposti in forme e colori davvero simpatici.

Molto cool, poi, è usare le borse che si acquistano nei musei, in occasione di mostre, nelle fiere e così via. E, se si è dotati di estro e di capacità sartoriali,può esser divertente cucirle da soli: su www.portalasporta.it/borse.htm si trovano alcuni consigli utili per realizzare modelli unici.

Sempre in fatto di spesa, l’ultima trovata consiste nel sostituire anche le confezioni per i prodotti che vengono venduti sfusi, come frutta e verdura, con comodi retini in cotone, lavabili e adatti anche alle etichette del prezzo (si staccano con facilità, senza lasciare traccia). Possono essere usati per la spesa dal fruttivendolo o al mercato invece dei sacchetti di carta (si acquistano, per esempio, su www.ecottonbag.it) per una spesa davvero “green”.

Sacchetto Addio!

Articolo scritto da girl_news - Vota questo autore su Facebook:
girl_news, autore dell'articolo Sacchetto Addio!
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Altro
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Altro
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione