Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Sindrome Depressiva Da Post - Erasmus


22 aprile 2011 ore 14:32   di max  
Categoria Altro  -  Letto da 1067 persone  -  Visualizzazioni: 2045

Sono più di 20 anni che è stato istituito e oramai tutti sanno in cosa consiste l’esperienza "Erasmus": un periodo più o meno lungo di studio universitario all’estero, a contatto con studenti di tutta Europa e non solo. Ma di cosa succeda una volta tornati a casa se ne parla sicuramente meno,forse perchè spesso si tratta di un capitolo un po’ più triste: è la cosiddetta "depressione post-Erasmus",immediatamente conseguente alla famosa "despedida" spagnola,cioè il dire "addio" a i vari compagni di scorribande il giorno prima della partenza.

Quasi tutti gli studenti partiti per il soggiorno Erasmus, dopo il ritorno a casa, vivono una sorta di "depressione" più o meno grave: tutto sembra rivestito da una velo di noia e tristezza, all’interno di un clima apatico e grigio,senza stimoli.In genere si è circondati da persone che non riescono o a cui non interessa comprendere l’esperienza fatta,ci si ritrova in una situazione senza quelle novità,quegli imput e quelle sensazioni che hanno caratterizzato il periodo all’estero e quel clima di multiculturalità e comunanza di interessi esigenze e voglia di divertirisi che dava interesse anche all'episodio più banale o al luogo più anonimo.Queste sono le sensazioni e le impressioni che si percepiscono al ritorno....


Ma una soluzione c'è.L’unica maniera per alleviare questa sensazione è quella di ripartire.Il "secondo" Erasmus, che si tratti di un soggiorno per motivi di studio o di lavoro,aiuta a rivivere certe emozioni e certe situazioni ma allo stesso tempo da un giusto peso alla propria precedente esperienza,senza per questo sminuirla o al contrario "divinizzarla" oltremodo.Dunque ripartire è quasi sempre la soluzione della sindrome post -Erasmus.
Comunque, sfortunatamente non esiste una "cura definitiva" a questo problema,il tutto è poi aggravato anche dalla mancanza di istituzioni universitarie capaci di accompagnare lo studente nel suo ritorno alla vita quotidiana, sballottato da un mondo spensierato e festaiolo ad un altro sicuramente più "terreno" e dai ritmi sicuramente meno frenetici.Ritornare,anzi,ripiombare nella vita "di tutti i giorni" non è certo cosa da nulla,in particolare se lo si fa in modo cosi repentino!

Sindrome Depressiva Da Post - Erasmus

Per combattere e ben "incassare" gli effetti di quella che vieni ormai definita un vera e propria "sindrome" dagli psicologi,ci dovrebbe essere,da parte degli stessi interessati,la consapevolezza che l'erasmus è una parentesi della propria vita universitaria e umana......che prima o poi finisce.Una parentesi "dorata" sicuramente,che va afferrata e sfruttata al massimo,che nonostante tutte le pazze situazioni vissute fa maturare come persone e in alcuni casi segna anche l'inizio di una nuova fase della propria vita "adulta".La vita quotidiana non può essere certamente quella dello studente erasmus.Rendersi conto di tutto ciò aiuta a vivere ancora meglio il proprio soggiorno e soprattutto a non farne una malattia quando(prima o poi!)finirà.

Articolo scritto da max - Vota questo autore su Facebook:
max, autore dell'articolo Sindrome Depressiva Da Post - Erasmus
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Altro
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Altro
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione