Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Squali A Sharm Un Turista Ubriaco Cade E Ne Uccide Uno, Ma è Una Buffala


22 dicembre 2010 ore 00:56   di zmaj  
Categoria Altro  -  Letto da 936 persone  -  Visualizzazioni: 1691

Credo che ormai sia risaputa la notizia che ci sono stati diversi attacchi degli squali a Sharm el Sheikh anche con conseguenze molto gravi per alcuni malcapitati turisti. Sono arrivate notizie di diversi attacchi del genere. Sono cose su cui non si dovrebbe scherzare considerando che gli attacchi purtroppo hanno causato ferimenti ed un decesso,ma su internet finisce ogni genere di storia .

Ebbene da qualche giorno ha iniziato a circolare on-line la falsa notizia che un turista ubriaco fosse caduto da una banchina addosso ad uno squalo uccidendolo. Molti media hanno abboccato alla storiella ,ma alcuni sono andati persino oltre calcolando come fosse possibile che un uomo avesse ucciso uno squalo semplicemente cadendogli addosso.


Infatti su un portale russo sono presenti calcoli precisi che affermano che una forza di 150 Newton è sufficente per stordire uno squalo e che un turista del peso di 80 kg cadendo dall'altezza di qualche metro avrebbe sviluppato la forza di 800 Newton .Quindi una forza sufficente per uccidere lo squalo.

Squali A Sharm Un Turista Ubriaco Cade E Ne Uccide Uno, Ma è Una Buffala

La falsa notizia è stata talmente ben articolata che molti siti di fama mondiale hanno trasmesso questa storia assurda. Nell'articolo si afferma anche che il turista fosse stato anche ringraziato dal governo egiziano che avrebbe anche in segno di riconoscenza regalato all' "eroe " dieci anni di vacanza gratuita a Sharm el Sheikh .Inoltre la notizia si conclude anche con l'affermazione che al turista sarà intitolata una strada.

Articolo scritto da zmaj - Vota questo autore su Facebook:
zmaj, autore dell'articolo Squali A Sharm Un Turista Ubriaco Cade E Ne Uccide Uno, Ma è Una Buffala
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Altro
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Altro
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione