Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

I Templari Tra Storia E Leggenda


17 febbraio 2011 ore 08:42   di girl_news  
Categoria Altro  -  Letto da 455 persone  -  Visualizzazioni: 935

Sin dall’inizio hanno suscitato interrogativi e sospetti sulla loro identità. I documenti storici parlano di un sistema ben organizzato, sostenuto da una poderosa rete logistica.
Fondato nel 1118, al termine della prima Crociata, dall’aristocratico Hugo di Payns, l’Ordine dei Templari era originariamente
costituito da 11 frati francesi che, armati di spada, avevano il compito di difendere dagli infedeli i pellegrini che viaggiavano
lungo le strade sante fra Jaffa e Gerusalemme.

L’Ordine, che a v e v a sede sul luogo in cui si crede sorgesse nell’antichità il tempio di Salomone (da cui il nome), fu riconosciuto dalla Chiesa nel 1129 con ampi privilegi. Cappellani, sergenti, artigiani, comandati da un Gran Maestro dipendevano direttamente dal Pontefice. L’influenza dei Templari (nel 1147 se ne contavano circa 300, ma presto divennero migliaia), si espanse rapidamente in tutta Europa e la loro ricchezza, per lo più frutto di donazioni, crebbe a ritmi vertiginosi
(in Spagna furono a un passo dall’ereditare il regno d’Aragona).


Con le immense entrate avevano anche organizzato un servizio di tesoreria e di prestiti: dal deposito di tributi per un principe votatosi alla Crociata al trasferimento in Terra Santa di ingenti somme di denaro; dalla riscossione delle decime pontificie per le crociate a prestiti a principi o nobili che motivassero il bisogno di denaro con pii motivi. Vivevano secondo regole rigidissime: erano tenuti a osservare frequenti celebrazioni religiose e digiuni, a fare elemosina, a consumare i pasti in silenzio ascoltando una lettura biblica, a portare capelli corti, barba e baffi. Indossavano mantelli bianchi con una croce rossa sulla spalla sinistra e la loro maggiore autorità era il Gran Maestro. Non potevano andare a caccia, erano banditi il gioco dei dadi e delle carte, aboliti mimi, giocolieri

e tutto ciò che è divertimento. Non potevano ridere scompostamente, parlare troppo o urlare senza motivo. In inverno, la sveglia era alle quattro del mattino, in estate alle due e bisognava sempre dormire "in armi". Combattevano senza paura e attaccavano velocemente il nemico. Al comando del loro maestro erano i primi a lanciare la carica e gli ultimi a ritirarsi.
Il tramonto dell’Ordine ebbe inizio nel 1307: accusati di sodomia, tradimento, avidità e idolatria, centinaia di Templari
furono fatti arrestare, torturare e condannare al rogo dal re di Francia Filippo il Bello, forse intimorito dal loro potere.

Sicuramente desideroso di impadronirsi dei loro patrimoni. Nel 1312 l’Ordine fu soppresso dal Concilio di Vienna. Secondo le leggende, tuttavia, i Templari continuarono a prosperare segretamente, custodi di immense ricchezze. A loro sono stati attribuiti molti misteri: dalla conoscenza dell’ubicazione dell’Arca dell’Alleanza alle tecniche che permisero di edificare le grandi cattedrali gotiche.

I Templari Tra Storia E Leggenda

Articolo scritto da girl_news - Vota questo autore su Facebook:
girl_news, autore dell'articolo I Templari Tra Storia E Leggenda
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Altro
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Altro
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione