Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Unità D' Italia - 150 Anni Con Il Tricolore


21 gennaio 2011 ore 18:44   di Feniks  
Categoria Altro  -  Letto da 512 persone  -  Visualizzazioni: 749

Il 17 marzo sarà festa Nazionale. Si festeggiano i 150 anni dell'unità d'Italia. 150 anni in cui si è utilizzato il tricolore.
Lo abbiamo visto tante volte su edifici pubblici, abbiamo pianto sui suoi colori durante la guerra, lo abbiamo usato come sudario per i nostri caduti, lo abbiamo sventolato entusiasti in occasione delle vittorie sportive dei nostri campioni, lo vediamo ogni giorno, è il nostro simbolo, ci rappresenta in ogni luogo.

Ma conosciamo davvero il Tricolore ed il significato dei colori ad asso associati?
Possiamo leggere la Costituzione, in particolare l'articolo 12 che sancisce che la bandiera Italiana è il Tricolore verde, bianco e rosso, a tre bande verticali di eguali dimensioni.
Oppure possiamo trovare poesie e filastrocche riprese da molti poeti che vogliono associare i colori ai prati (verdi) alle nevi (bianco) e ai soldati che hanno perso la vita nelle guerre che hanno costellato questi 150 anni di storia (rosso).
In realtà la storia del Tricolore comincia nell'autunno del 1794 a Bologna, quando due patriori, studenti dell'Università di Bologna vollero organizzare una rivoluzione per sottrarre il Comune di Bologna alla sudditanza degli Stati della Chiesa.
Luigi Zamboni (nativo di Reggioe Emilia) e Giovanni Battista de Rolandis (di Castell'Alfero ora provincia di Asti) unirono i colori bianco e rosso delle loro città d'origine al verde, da sempre associato alla speranza. Fu il segno distintivo della loro sommossa nella notte del 13 dicembre. Il loro tentativo non ebbe esito, furono scoperti e catturati.


Ma la loro idea non morì con loro. Venne infatti ripresa nel marzo 1796 quando l'esercito di Napoleone attraversò l'Italia e sul modello del tricolore francese apparvero le bandiere con i colori verde, bianco e rosso alla testa dei reparti miliatari che affiancavano i francesi al loro passaggio.
In data 8 ottobre 1796 la guarda civile milanese e la Legione Italiana adottarono uffialmente il tricolore, abbinando al bianco e al rosso dello stemma di Milano (tutt'ora visibile) il verde che da sempre compariva nello stemma dei Visconti.
Il 27 dicembre 1796 nasceva la Repubblica Cispadana e, nemmeno un mese dopo, il 7 gennaio 1797 il tricolore venne proposto da Giuseppe Compagnoni e adottato all'unanimità dall'Assemblea come bandiera della Repubblica. Oggi quel luogo è la sala consiliare del comune di Reggio Emilia: la Sala del Tricolore.

Da allora, all'interno del colore bianco, si sono succeduti i simboli delle repubbliche Cispadana e Cisalpina, poi vi ha campeggiato lo stemma Sabaudo.
Ma la struttura non è mai variata. Sono passati 217 anni da quando i patrioti di Bologna utilizzarono per primi i colori verde, bianco e rosso e ogni volta che il nostro Tricolore si innalza alto nel cielo rivivono i loro stessi ideali di libertà e giustizia e il nostro orgoglio di sentirci italiani.

Articolo scritto da Feniks - Vota questo autore su Facebook:
Feniks, autore dell'articolo Unità D' Italia - 150 Anni Con Il Tricolore
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Altro
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Altro
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione