Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

27 Gennaio 2011 - Giorno Della Memoria Di Auschwitz


26 gennaio 2011 ore 14:01   di Feniks  
Categoria Attualità e Gossip  -  Letto da 616 persone  -  Visualizzazioni: 797

Auschwitz... nome che evoca, nel ricordo degli ultimi sopravvisuti, un luogo di morte, di fatica e di dolore. Nome associato alla Shoah, al genocidio.
Oggi, 66 anni dopo che le prime truppe alleate entrarono nel campo, ci è affidata la memoria di quel tempo.
Milioni di persone, colpevoli solo di essere ebrei o zingari, furono rinchiuse dentro quelle baracche fredde e senza luce, all'interno di quei cortili cinti da filo spinato, tra il latrare dei cani e le grida delle guardie scelte tra i criminali comuni e libere di sfogare la propria brutalità.

Milioni di persone cui venne tolto tutto: il lavoro per prima cosa, poi la casa quando vennero cacciati nei ghetti perchè non vivessero a contatto con "la razza pura".
Poi la libertà quando, riuniti in gruppi, furono caricati a forza su vagoni piombati e condotti, come pecore al macello, direttamente all'interno dei campi, quasi sulla soglia della camere a gas.
Poi, ai pochi che venivano selezionati per lavorare, anche la dignità. Furono spogliati dei loro vestiti, al loro posto gli venne consegnata una casacca a righe.


Furono rasati e i loro capelli usati nelle industrie. E infine, perchè perdessero anche quel poco di umano che era rimasto, furono marchiati in modo indelebile con un numero, un semplice numero che da quel momento sarebbe stato tutta la loro identità.
E così, massa di uomini e donne senza nome, nè passato, nè futuro, vennero fatti lavorare fino allo sfinimento, 12 o più ore al giorno, con una brodaglia per pranzo e un tozzo di pane da dividere in cinque che doveva bastare per tutte le lunghe ore del giorno.
Al gelo d'inverno, nell'afa dell'estate, milioni di persone scontavano la colpa di esere ebrei.
Tanti sono partiti. Pochi sono tornati. Molti sono rimasti là, ad Auschwitz, trasformati in cenere sparsa sulle strade o liberata in cielo.
Oggi è il giorno del ricordo e della commozione. E' il momento di ascoltare le voci dei tanti che non sono tornati.
Di insegnare ai nostri figli che nessuno è diverso, l'odio e la violenza generano solo morte, che solo la convivenza pacifica tra popoli potrà portare ad un avvenire di pace.

E solo se possiamo capire ed insegnare questo, il sacrificio di milioni di persone perite ad Auschwitz e in altri campi per mano di un folle regime, non sarà stato vano.
E le voci di chi non è tornato si alzeranno ancora nel cielo attraverso le nostre, la nostra memoria, il nostro canto in loro onore.

Articolo scritto da Feniks - Vota questo autore su Facebook:
Feniks, autore dell'articolo 27 Gennaio 2011 - Giorno Della Memoria Di Auschwitz
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!


Commenti

 
  • eeeeeeeeeeeeeeee..
    #1 eeeeeeeeeeeeeeee..

prego x queste persone che hanno subito questo trauma e spero che nn acada mai + x questo noi ti preghiamo , ascoltaci o signore ......

Inserito 26 gennaio 2011 ore 16:09
 

La frase macabramente ironica "Die Arbeit macht frei" (Il lavoro rende liberi) posta all'ingresso del campo di Auschwitz è la cosa che più fa rabbrividire. Avendo visitato il museo di Auschwitz vi assicuro che quella frase mi ha agghiacciato molto più che vedere la banalità del male all'opera ( per quanto secondo me per alcune foto ci vuole un bel pelo sullo stomaco )

Inserito 26 gennaio 2011 ore 21:41
 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione