Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Allarme Trasfusioni Al Sud: Trovato Sangue Infetto Dal Morbo Della Mucca Pazza


8 agosto 2011 ore 11:24   di KungFuGirl  
Categoria Attualità e Gossip  -  Letto da 426 persone  -  Visualizzazioni: 1133

L'AIFA, l'Agenzia Italiana del FArmaco, ha vietato l'utilizzo negli ospedali del Sud Italia di 24 lotti di emoderivati - globuli rossi, plasma, piastrine, granulociti e componenti del sangue utilizzati nelle trasfusioni - della Kedrion, azienda biofarmaceutica specializzata nel settore, in quanto prodotti con sangue di due donatori affetti dalla malattia di Creutzfeldt Jakob, diventata tristemente famosa per la sua variante legata all'epidemia della cosiddetta "mucca pazza".

Una funzionaria dell'AIFA ha riferito che uno dei due donatori, segnalato dall'Assessorato della Salute della Regione Sicilia, è ancora in vita, mentre l'altro donatore, tedesco, è deceduto ed è stato segnalato dal fornitore DRK West, in Germania.


Circa la possibilità che questi emoderivati possano contagiare i malati sottoposti a trasfusioni i pareri sono discordanti: da un lato l'AIFA sottolinea che "per la forma classica di encefalopatia non c'è evidenza di trasmissione per via ematica, mentre per la variante bovina il rischio è teorico"; di diversa opinione il responsabile dell'Osservatorio nazionale per la malattia, il professor Maurizio Pocchiari dell'Istituto Superiore di Sanità: "La trasmissione della cosiddetta forma "mucca pazza" mediante trasfusione è già stata accertata da tempo - ha dichiarato in un'intervista ripresa da Repubblica - E un nostro studio pubblicato a gennaio sulla rivista Transfusion evidenzia, per la prima volta al mondo, un rischio significativo legato a trasfusioni avvenute più di 10 anni prima dell'insorgenza della malattia in pazienti affetti dalla forma tradizionale".

Anche sulla scorta delle opinioni contrastanti si è deciso, in forma cautelativa, di impedire le trasfusioni con questi emoderivati di produzione tedesca; la ditta Kedrion, inoltre, è già da qualche tempo al centro delle polemiche proprio per dubbi circa la sicuerzza degli emoderivati, di cui è monopolista in Italia.
Allarme Trasfusioni Al Sud: Trovato Sangue Infetto Dal Morbo Della Mucca Pazza

I prodotti per trasfusioni erano già stati distribuiti e destinati a cinque regioni del Sud Italia: Calabria, Campania, Lazio, Puglia e Sicilia. Come detto, i pareri circa la possibilità che il morbo della "mucca pazza" (encefalopatia spongiforme bovina) o altre forme della malattia di Creutzfeldt Jakob siano trasmissibili per via ematica sono tutt'altro che unanimi, ma si è deciso di ritirare i 24 lotti di emoderivati in via cautelativa.
Allarme Trasfusioni Al Sud: Trovato Sangue Infetto Dal Morbo Della Mucca Pazza

Articolo scritto da KungFuGirl - Vota questo autore su Facebook:
KungFuGirl, autore dell'articolo Allarme Trasfusioni Al Sud: Trovato Sangue Infetto Dal Morbo Della Mucca Pazza
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione