Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Babysquillo E Babycubiste: Un Problema Di Cui Si Deve Parlare


22 marzo 2012 ore 17:11   di Giada  
Categoria Attualità e Gossip  -  Letto da 365 persone  -  Visualizzazioni: 598

Che le ragazzine di oggi fossero piú spigliate di quelle di qualche anno fa, giá lo lo sapevamo. Ció che invece lascia genitori e insegnanti a bocca asciutta è la gravitá della situazione attuale che vede le giovanissime prostituirsi per una ricarica telefonica, un vestito firmato o una trousse di trucchi.

Le famiglie si sentono sempre più sole, incapaci di gestire l’educazione delle figlie adolescenti. Secondo le stime recenti, ci sarebbe in media, una baby-squillo ogni 20 ragazze. Lo scenario davanti a cui ci troviamo è davvero preoccupante. Telefonini e regali vengono utilizzati come ricompensa per un rapporto sessuale.
Si parla di una nuova emergenza che non si puó ignorare. Assistiamo sempre piú spesso a ragazzine di 12-13 anni truccate pesantemente per sembrare donne adulte.


La baby prostituzione è un fenomeno in continua crescita. Le ragazzine decidono di avere rapporti sessuali sia con i coetanei che con gli adulti. Lo fanno per provocare, per sentirsi grandi, per avere conferme. Si fanno accompagnare dai genitori in discoteca. Si mettono in fila con le amiche per entrare. Hanno tra gli undici e i quattordici le baby cubiste che vengono spesso scelte tramite internet. Nello zainetto nascondono t-shirt attillate, minigonne che lasciano poco spazio all’immaginazione e tacchi a spillo vertiginosi. Le chiamano ragazze immagine, ma altro non sono che baby squillo.
Lei balla, lui la adocchia e si avvicina, lei lo fissa e lo provoca. Baci profondi, troppo spinti per ragazze cosí giovani.

Nel 2007 è stato pubblicato un libro che ha suscitato fin da subito grande scalpore. Si tratta del testo-documentario intitolato "Ho 12 anni faccio la cubista mi chiamano Principessa." Hanno un'età compresa tra gli 11 e i 14 anni le protagoniste di questo sconvolgente racconto. Frequentato tutte la scuola media. Cinque storie e cinque vite autentiche esplorate col ritmo di un romanzo che peró romanzo non è. Si tratta invece di un indagine, di un viaggio nei loro blog. Il loro regno sono le discoteche. Al sabato pomeriggio escono di casa e varcata la soglia della discoteca avviene la trasformazione: perizoma rosso, pelle unta di olio perché brilli alla luce, rossetto troppo acceso e il seno appena coperto da un top bianco. Queste "principessine" ballano su cubi troppo grandi per loro, mimando le pose della lap dance. Ballano davanti agli occhi di tanti coetanei con in mano cellulari pronti a scattare foto. Scambi sessuali a pagamento nei bagni della discoteca. Ragazzi che pagano per "avere" la verginità di ragazze troppo giovani per rendersi conto di quello che stanno facendo. La scrittrice, inviata speciale del "Messaggero", è entrata nei loro blog, nelle loro scuole, ma soprattutto nelle loro tristi vite. Questo libro deve rappresentare uno spunto di riflessione, il via da cui partire per cambiare le cose.

Articolo scritto da Giada - Vota questo autore su Facebook:
Giada, autore dell'articolo Babysquillo E Babycubiste: Un Problema Di Cui Si Deve Parlare
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione