Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Benzina E Gasolio, Perchè Il Prezzo Alle Pompe Non Scende?


6 maggio 2012 ore 10:58   di pierluigicrivelli  
Categoria Attualità e Gossip  -  Letto da 442 persone  -  Visualizzazioni: 642

In questi giorni, gli automobilisti e gli autotrasportatori stanno pagando una tassa occulta senza che se ne rendano conto : infatti, il prezzo della benzina dovrebbe scendere, ma ai petrolieri conviene far finta di niente e tenerlo a livello record.
Con la quotazione del petrolio in diminuzione, infatti, oggi per ogni litro erogato si dovrebbero pagare 8 centesimi in meno e così, ancora una volta, sono i cittadini, i consumatori finali a rimetterci di tasca propria a vantaggio dei produttori.

Le difficoltà dell’economia mondiale stanno deprimendo le quotazioni del barile ma questa volta il prezzo alla pompa non ha intenzione di adeguarsi come nel passato. Anzi, in media è rimasto praticamente invariato, a quota 1,85 euro, con buona pace degli italiani e conseguenti grandi profitti per le compagnie petrolifere.


Il 4 maggio scorso la differenza tra il prezzo ottimale, che tiene conto dei costi di produzione e di distribuzione, e quello effettivamente praticato era di 2,4 centesimi al litro per il gasolio e di 7,7 per la benzina.
Sul cosiddetto "caro carburante" non è solo colpa della politica delle compagnie petrolifere. Più della metà del prezzo finale, infatti, 55% per la benzina, 52% per il gasolio, è determinato da tasse varie, Iva e accise.

Benzina E Gasolio, Perchè Il Prezzo Alle Pompe Non Scende?

Con la manovra Salva Italia il governo Monti ne ha aggiunta un’altra, l’ennesima, pari a 8,2 centesimi sulla benzina e 11,2 sul Diesel; inoltre, in caso di calamità naturali, è già prevista una soprattassa così come è stato stabilito dal decreto legge sulla protezione civile, approvato recentemente, che ha deciso che gli interventi di emergenza siano finanziati con un’accisa di 5 centesimi al litro.

Oltre ai balzelli governativi introdotti c’è poi da tenere presente il prezzo del petrolio, la cui variabilità negli ultimi giorni è tendente verso il basso : infatti, la tariffa è scesa di circa 15%, venerdì era poco sopra i 60 centesimi al litro, quando nel mese di aprile era stata costantemente sopra i 70. Per ottenere il prezzo finale vanno poi aggiunti tutti gli altri costi, relativi al trasporto e alla distribuzione, persino i famosi "bollini" attiraclienti, i cosiddetti premi fedeltà, la cui convenienza è tutta da provare. E naturalmente non dimentichiamo l’utile dell’azienda : il margine lordo medio, negli ultimi due anni, si traduce in circa 15 centesimi per ogni litro, l’8,4% del costo finale.

C’è da dire, inoltre, che in Italia la popolazione è dispersa e ci sono molti distributori: quasi 24mila, un quinto di quelli europei, mentre la benzina venduta è solo un decimo: così, il prezzo ottimale per un litro arriva a 1,708 euro per il gasolio e 1,771 per la benzina. Invece le cose non stanno proprio così : 1,73 e 1,85, ecco quanto costano oggi alla pompa benzina e gasolio, entrambi rimasti costanti.

Tradotto in cifre : per il diesel, sono 2,4 centesimi più del prezzo ottimale, per la benzina 7,7, nonostante il calo della materia prima, un record. Così il margine delle compagnie è arrivato a 23 centesimi (benzina) e 18 (gasolio) per ogni litro.

L’anno scorso, il margine era stato quantificato in media a 12, 13 centesimi e quando il petrolio è salito, molte aziende hanno aspettato ad adeguarlo e così ci hanno rimesso. Ecco perchè, probabilmente, ora si cerchi di compensare. E così ci teniamo i nostri prezzi congelati, con buona pace della concorrenza che in Italia è scarsissima rispetto al resto d’Europa. Il mercato delle cosiddette "pompe bianche", quelle non legate alle grandi compagnie petrolifere, è praticamente invisibile. Su 24mila distributori, sono solo circa 500 quelle a praticare prezzi più convenienti e sono appena 300 i supermercati che possiedono un loro distributore, mentre in Francia la grande distribuzione controlla il 30% del mercato.

Articolo scritto da pierluigicrivelli - Vota questo autore su Facebook:
pierluigicrivelli, autore dell'articolo Benzina E Gasolio, Perchè Il Prezzo Alle Pompe Non Scende?
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione