Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Berlino: Qual è Il Prezzo Della Storia?


10 marzo 2013 ore 20:40   di Elenyx  
Categoria Attualità e Gossip  -  Letto da 415 persone  -  Visualizzazioni: 607

Era il 9 novembre 1989. Le strade di Berlino erano piene fino a scoppiare. Uomini e donne giunti da ogni angolo della capitale, da est e da ovest, con picconi e martelli in mano, erano pronti ad abbattere quel simbolo della vergogna, spuntato una notte d’agosto di quasi trent’anni prima. Migliaia di mani si sono aperte una breccia nella storia. Quella stessa storia che ora il comune berlinese, costantemente in rosso e in netta controtendenza rispetto al trend tedesco, vuole svendere a una ditta di costruzioni.

Dopo una prima spinta carica di emotività, i picconi lasciarono il posto a ditte specializzate nelle rimozioni e il muro di Berlino venne smantellato - quasi completamente - da mani esperte, per far spazio alla tanto sperata riunificazione. Quasi completamente perché una parte di esso, lunga ben 1,3 km, venne lasciata nella posizione originale. Nel corso degli anni, la East Side Gallery si è trasformata in una vera e propria galleria d’arte a cielo aperto: artisti di tutto il mondo hanno usato la gigantesca tela di mattoni e intonaco per lasciare una testimonianza della propria personalità e un ricordo del passato.


Un passato che sembra cozzare con l’esigenza di rimpinguare le casse della capitale tedesca. Le autorità per la tutela storica di Berlino, infatti, hanno autorizzato la ditta Living Bauhaus a spostare 22 dei 1300 metri che compongono la East Side Gallery per creare la strada di accesso a un enorme condominio di lusso, che sorgerà proprio lungo il fiume Sprea. La ditta assicura che il muro "non verrà smantellato, ma semplicemente ricollocato in una zona differente".

Che la porzione del Berliner Mauer venga smantellata o semplicemente ricollocata, i cittadini tedeschi sono inferociti. Ogni centimetro di quanto resta del muro è prezioso per la loro memoria. Serve a ricordare che troppe famiglie sono state separate per troppi anni. Che troppe persone sono morte nel tentativo di raggiungere i genitori, l’amore, la libertà. Che per troppo tempo Berlino Est non ha visto il fiume Sprea. Che per l’orgoglio di troppe persone Berlino è stata la scacchiera del mondo per decenni.

All'avvio dei lavori, centinaia di manifestanti avevano protestato riuscendo a bloccare le operazioni. Circa 1 metro di muro era stato rimosso. La ditta, che aveva promesso la ripresa repentina delle attività, resta in attesa di nuove direttive, direttive che potrebbero arrivare dopo la riunione pubblica prevista per il prossimo lunedì 18 marzo. Le autorità locali sono fiduciose che il progetto verrà ridiscusso alla luce delle proteste dei cittadini e che la Living Bauhaus consideri maggiormente le implicazioni emotive che un progetto come questo ha per i berlinesi. E non solo.

Quando la società accantona i ricordi nel nome del denaro e cancella ciò che è stato, la storia rischia di ripetersi.

Articolo scritto da Elenyx - Vota questo autore su Facebook:
Elenyx, autore dell'articolo Berlino: Qual è Il Prezzo Della Storia?
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione