Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Cape Town E La Legge Dei Babbuini


7 agosto 2013 ore 22:01   di Rollcage76  
Categoria Attualità e Gossip  -  Letto da 554 persone  -  Visualizzazioni: 975

È una storia che ciclicamente torna sui notiziari ogni volta con qualche piccola novità che peggiora, ahiloro, la vita dei cittadini di Cape Town, Sudafrica. Negli anni '80, venne emanata una legge per porre rimedio al rischio di estinzione del Babbuini di Shakma. Questi primati stanziavano nelle vicine foreste della città e, per effetto del nuovo status di "protetti", cominciarono il ripopolamento della loro comunità. Lieto fine, quindi? Per le nostre amiche quadrumani si, un po' meno per gli abitanti più prossimi alla riserva. I babbuini hanno imparato molto negli anni e, tra le tante cose, che il cibo è più semplice raccoglierlo per la giungla d'asfalto piuttosto che per quella verdeggiante.

Dapprima gli approcci furono, come da consuetudine, piuttosto timidi. Brevi escursioni per le strade trafficante e fugaci contatti con gli uomini. Impararono. Peculiare caratteristica dei primati è la loro spiccata capacità di apprendere in tempi brevi; beh, ascoltando i racconti degli abitanti del luogo, il periodo è più stato piuttosto breve.


I casi di furtarelli di materiale lasciato incustodito è solo un tenero ricordo. Oggi la cittadinanza combatte contro 16 gangs di babbuini ben distinte che oltre ad agguati per derubare i malcapitati delle provviste trasportate, sono passati ai più proficui assalti agli alimentari. Non è raro incontrare esemplari che mangiano placidamente intere cassette di frutta trafugate.

Cape Town E La Legge Dei Babbuini

L'aggiornamento delle condizioni già insostenibili della promiscua convivenza tra scimmie e uomo è che alcuni gruppi ormai sono passati all'effrazione ed al conseguente furto in proprietà privata. Moby, il capo di una di queste gangs, viene trattato alla stregua di un criminale comune, salvo poi restare impunito per decreto.
La loro innata abiliità acrobatica gli permette di scalare palazzi ed intrufolarsi nelle abitazioni per far incetta di cibarie, tessuti e degli adorati peluches(!).

Cape Town E La Legge Dei Babbuini

Esperti parlano di chiaro rovesciamento della scala gerarchica dovuto in origine dal rispetto degli umani, di una legge che ha permesso ai babbuini di emanciparsi ed al successivo stato d'ansia e terrore nel quale è piombata la popolazione del quale i primati si sono fatti forza.
La misura è ormai colma e le persone chiedono di potersi difendere adeguatamente e di poter reagire ai soprusi come si farebbe con esseri umani che non rispettano il prossimo. Cape Town è il confine che si è superato nei confronti della Natura, solo che della parte della vittima adesso c'è l'Uomo.

Cape Town E La Legge Dei Babbuini

Articolo scritto da Rollcage76 - Vota questo autore su Facebook:
Rollcage76, autore dell'articolo Cape Town E La Legge Dei Babbuini
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione