Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Cicciolina, Anche Quando Si Parla Di Pensione Fa Scandalo: 3.000 Al Mese Perchè Ex Onorevole


21 settembre 2011 ore 01:13   di zazatto  
Categoria Attualità e Gossip  -  Letto da 581 persone  -  Visualizzazioni: 1496

La notizia, a quanto pare, ha già fatto il giro della rete: Ilona Staller, più conosciuta con il nome d’arte di Cicciolina, compirà tra poco 60 anni e andrà in pensione. Qualche malpensante starà ridendo sotto i baffi, ma in tutto questo non vi è nulla di pruriginoso: il fatto è che la Staller, oltre che ex pornostar, è anche un’ex onorevole, e pertanto le compete un vitalizio di circa 3.000 euro mensili.

Forse non tutti sanno che, negli anni ’80, l’attrice si candidò alle elezioni politiche per il Partito Radicale, risultando la più suffragata dopo l’On. Marco Pannella e quindi acquisendo il diritto di sedersi sugli scranni di Montecitorio dal 1987 al 1992, prima attrice pornografica al mondo ad essere eletta in un Parlamento. Non poteva succedere che in Italia.


Il tema è molto attuale, specialmente in considerazione della disastrosa situazione delle casse dello Stato. Già all’epoca più di qualcuno mugugnò di disapprovazione, all’idea che una pornoattrice potesse essere anche una deputata. Tra l’altro, la Staller non fu sempre un esempio di grande sobrietà, dal momento che, se non ricordo male, in più di un’occasione, durante il suo mandato parlamentare, scoprì il seno in pubblico.

Era l’epoca in cui, per i personaggi del mondo dello spettacolo, candidarsi cominciava a diventare di moda (per citarne qualcuno, i poveri Enzo Tortora, Domenico Modugno, Moana Pozzi). Per qualcuno divenne anche un pretesto per sfuggire alle patrie galere, sfruttando indecorosamente l’immunità parlamentare. Questo trend stenta ad esaurirsi, ed ancora oggi il nostro Parlamento è frequentatissimo da attori, cantanti, ex soubrette, eccetera. Ma la cosa è di trascurabile importanza.

E’ assolutamente sciocco scandalizzarsi ora, come allora, se una pornostar viene eletta alla Camera dei Deputati e se diviene titolare di un’ottima pensione, anche in tempi in cui la parola “pensione” per molti cittadini è un miraggio, per alcuni un traguardo e per moltissimi una chimera. La Staller ha semplicemente esercitato un suo diritto, un diritto che una legge anacronistica le permette di esercitare. I tremila euro di pensione per una sola legislatura sono comunque uno scandalo, chiunque sia il parlamentare che ne goda, dal momento che la maggior parte delle famiglie ha difficoltà ad arrivare alla fine del mese, e gli anziani pensionati muoiono di fame, ma tant’è, ormai il popolo italiano è abituato a tutto.

Cicciolina, Anche Quando Si Parla Di Pensione Fa Scandalo: 3.000 Al Mese Perchè Ex Onorevole

Articolo scritto da zazatto - Vota questo autore su Facebook:
zazatto, autore dell'articolo Cicciolina, Anche Quando Si Parla Di Pensione Fa Scandalo: 3.000 Al Mese Perchè Ex Onorevole
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione