Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Da Oggi Certificati Medici Esclusivamente Online, Ma Il Nuovo Sistema Sembra Non Reggere


1 febbraio 2011 ore 22:06   di pennettainformata  
Categoria Attualità e Gossip  -  Letto da 360 persone  -  Visualizzazioni: 838

Dopo dieci mesi di prove, entra oggi in vigore il provvedimento sull'obbligo di trasmissione in via telematica dei certificati di malattia dei lavoratori dipendenti da parte dei medici del servizio sanitario. L’obiettivo è quello di arrivare alla trasmissione online totale dei certificati, stimati in circa 50 milioni l’anno.

In pratica niente più obbligo per il paziente di certificare il proprio stato di salute a mezzo raccomandata all’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale (INPS). Sarà il medico stesso ad inviare il certificato online all’INPS che lo girerà al datore di lavoro, con un conseguente risparmio di costi in termini di carta oltre che la possibilità per il lavoratore dipendente di non dover adempiere ad obblighi burocratici durante la malattia. A regime, spiega Brunetta, anche i medici trarranno vantaggi dallo snellimento e velocizzazione della procedura grazie alle nuove tecnologie. Come per la digitalizzazione della pubblica amministrazione anche per quella della sanità il fine è quello di risparmiare, sfruttando i numerosi progressi in campo informatico.


Sanzioni pesanti per i medici che non si adegueranno. Si parla addirittura di sospensione per chi si rifiuta di inviare i certificati online continuando con il metodo cartaceo. Dalla loro i camici bianchi rispondono minacciando scioperi se le lacune del nuovo sistema non saranno sanate. In particolar modo lamentano le frequenti interruzioni di rete, un periodo di collaudo troppo breve e le difficoltà nel contattare il call center. Il sistema va in tilt, i terminali non rispondono e alcuni sindacati sono già sul piede di guerra.

Da Oggi Certificati Medici Esclusivamente Online, Ma Il Nuovo Sistema Sembra Non Reggere

Ma il ministro per la Pubblica Amministrazione e per l’innovazione Renato Brunetta risponde che le sanzioni colpiranno solo chi dimostra intenzionalità nel non adeguarsi al nuovo sistema (in pratica chi si rifiuta esplicitamente di inviare i certificati online) e non chi è impossibilitato per cause indipendenti dalla propria volontà (chi rimane cioè vittima di disservizi tecnici), come spiegato nella Circolare n. 2 DFP/DDI del 28-09-2010.

I medici continuano però a temere che tutto ciò implichi ritardi e disservizi tali da dover trascorrere più tempo davanti al computer che effettivamente con i pazienti, e chiedono una proroga dei termini finché il sistema non sarà perfezionato per reggere l’effettiva mole di lavoro. Qui la risposta del ministro Brunetta alle lamentele espresse dai camici bianchi.

Articolo scritto da pennettainformata - Vota questo autore su Facebook:
pennettainformata, autore dell'articolo Da Oggi Certificati Medici Esclusivamente Online, Ma Il Nuovo Sistema Sembra Non Reggere
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione