Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Decreto Intercettazioni: Alcune Novità


23 luglio 2010 ore 12:48   di MartinaC  
Categoria Attualità e Gossip  -  Letto da 279 persone  -  Visualizzazioni: 535

Una sanzione di 12.500 euro per chi non rettifica i blog, i siti web, i giornali e le testate on line, la rettifica delle informazioni sbagliate dovrà avvenire senza commento e senza aggiunte, su richiesta di chi ne facesse una “legittima”. Ecco come viene interpretata la legge del Decreto Legge sulle intercettazioni che andrà in questo modo a creare scompiglio on line. Depenalizzato e mutato in sanzione il trasgredire alla norma.

Le testate giornalistiche on line rispondono a criteri che prevedono la registrazione presso le Cancellerie dei tribunali, allo stesso modo quindi anche i siti web che fanno informazione hanno l’obbligo di rettifica delle notizie. Il lavoro di chi fa informazione on line ha la responsabilità della ampia diffusione e del rimbalzo della notizia in poco tempo, un fatto che non consente di accettare emendamenti che superino la proposta delle 48 ore, tempi oltre i quali la notizia on line è già morta e scomparsa dalla lettura.Anzi, diciamo pure la verità, che passate le prime 8 ore se non è stata modificata la pagina si può anche farne a meno, nessuno la troverà più in testa alle notizie.


I blog e i siti internet su richiesta hanno allo stesso modo il dovere di rettificare senza commento, in 48 ore, quanto viene pubblicato, garantendo così un controllo delle notizie e una qualità nella stampa. Queste sono alcune delle novità che ha presentato nella giornata di ieri la penalista Giulia Bongiorno, per una discussione degli emendamenti approvati infine da portare in Aula il 29 luglio prossimo. Nessun accenno sul problema della datazione delle risorse pubblicate su internet e sulle note degli autori, che non si trovano mai, potrebbe trattarsi di famosi giornalisti, avvocati, come anche ragazzini di 18 anni.

Nessun privilegio per i parlamentari al via la pubblicazione della pre – udienza per i giornalisti e depenalizzazione per l’editore. Divieto della posizione di cimici e di spionaggio in ambito privato, ma via libera alle indagini in segreto. Un fatto di concreta modernità aggiungerei personalmente. Un compromesso che ha portato anche i voti di esponenti del Partito Democratico e dell’UDC.

Articolo scritto da MartinaC - Vota questo autore su Facebook:
MartinaC, autore dell'articolo Decreto Intercettazioni: Alcune Novità
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione