Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Deforestazione, Punto Di Non Ritorno Sempre Più Vicino


21 giugno 2011 ore 20:53   di inspired  
Categoria Attualità e Gossip  -  Letto da 330 persone  -  Visualizzazioni: 556

A livello mondiale, la superficie forestale copre circa il 31% della superficie terrestre. La deforestazione praticata in maniera quasi capillare, è un fenomeno altamente preoccupante sia perché le foreste sono l’habitat naturale di un’infinità di specie animali la cui scomparsa può provocare danni irreparabili all’ecosistema, sia perché l’abbattimento delle foreste contribuisce a provocare emissioni di gas serra col pericolo incombente di un surriscaldamento della crosta terrestre.

Se la deforestazione selvaggia continuerà ai ritmi attuali, gli scienziati pensano che ci vorranno almeno 20 anni per riuscire a stabilizzare il riscaldamento globale ma per quanto riguarda la biodiversità, pare che la situazione sia già altamente compromessa e ci vorrebbe qualche migliaio di anni per ristabilire l’ecosistema.


Alcuni Paesi, come il Brasile e l’Indonesia, sono riusciti a ridurre la distruzione delle foreste ma il problema è soprattutto economico. Infatti in altri Paesi, come l’Amazzonia, la deforestazione ha lo scopo di creare terreni adatti all’agricoltura e quindi soddisfare il fabbisogno di cibo sempre crescente a causa dell’incremento demografico. Per contro, però, sempre in Amazzonia la deforestazione, influendo sul clima locale, ha ridotto le precipitazioni rendendo arido il terreno con ovvi problemi per l’agricoltura.

Ma perché si distruggono tante foreste? I motivi principali sono: conversione in piantagioni o pascoli, costruzione di strade o abitazioni, sfruttamento di giacimenti petroliferi. Si calcola che nell’ultimo decennio il taglio illegale abbia distrutto circa 8 milioni di ettari.

Alcuni governi, in qualche modo, hanno cercato di porre rimedio a queste distruzioni, firmando il protocollo di Kyoto che però non è sufficiente a ridurre i pericoli provocati dalla deforestazione. Occorrerebbe coinvolgere anche grandi Nazioni altamente inquinanti come Stati Uniti, Cina e India. In particolare, tra le economie emergenti, la Cina è risultato il Paese più inquinante in assoluto e quindi il suo contributo sarebbe determinante.

Deforestazione, Punto Di Non Ritorno Sempre Più Vicino

Articolo scritto da inspired - Vota questo autore su Facebook:
inspired, autore dell'articolo Deforestazione, Punto Di Non Ritorno Sempre Più Vicino
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione