Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Disastro Ecologico In Nuova Zelanda


11 ottobre 2011 ore 15:56   di KungFuGirl  
Categoria Attualità e Gossip  -  Letto da 379 persone  -  Visualizzazioni: 952

Avremmo sperato di non dover mai più assistere ad un simile terribile spettacolo, invece è accaduto di nuovo: una grossa nave si è incagliata e ha disperso il carburante nelle acque circostanti. Questa volta a scatenare quella che, in una nota stampa del Governo di Wellington viene descritta come "la peggior catastrofe ecologica della Nuova Zelanda", è stata la nave cargo "Rena", un gigante del mare lungo oltre 230 metri e che ha già riversato nell'oceano almeno 200 tonnellate di carburante.

Una gigantesca onda nera, larga circa sei chilometri, ha così oscurato le acque di quella che, fino al momento del terribile incidente, era una delle coste più incontaminate e spettacolari del Paese; numerosi uccelli marini sono già morti, con le penne invischiate nella miscela maleodorante, e si teme che la splendida e vitale barriera corallina possa subire danni incalcolabili, con perdite irreparabili per la biodiversità marina.


Circa 250 specialisti sono partiti da ogni angolo del mondo per tentare di arginare questo ennesimo disastro ecologico, moltissimi volontari appartenenti alle più diverse associazioni per la tutela dell'ambiente si sono già resi disponibili e, stando a quanto si apprende dal sito di RaiNews24, ci sarebbero anche 300 militari pronti ad intervenire per ripulire le spiagge minacciate dal petrolio.

In realtà il carburante che si deposita sulla spiaggia è solo una piccola parte del problema: a destare enorme preoccupazione, infatti, ci sono le altre 1.700 tonnellate di petrolio che al momento sono ancora all'interno della "Rena" ma che potrebbero riversarsi in mare in qualsiasi momento, complici anche le condizioni meteo che andranno a peggiorare nei prossimi giorni.

Disastro Ecologico In Nuova Zelanda La spiaggia, già contaminata dalla marea nera.

Mai come ora è indispensabile agire in fretta, dunque, per tentare di limitare il danno, già enorme e devastante. A bordo del gigantesco cargo si trovano oltre duemila container e la nave pesa 47 mila tonnellate: il recupero sarebbe comunque difficoltoso, anche senza la burrasca che è prevista nei prossimi giorni.

Disastro Ecologico In Nuova Zelanda La barriera corallina com'era prima del disastro.

Stando a quanto si apprende dal sito di RaiNews24 in questo momento si sta già lavorando a pieno ritmo nel tentativo di estrarre dalla nave il carburante rimasto a bordo, per evitare che, se la "Rena" dovesse spaccarsi in seguito alla burrasca, tutto il petrolio si riversi in mare. E' una corsa contro il tempo, dunque. Ma è una competizione alla quale avremmo volentieri fatto a meno di assistere.

Disastro Ecologico In Nuova Zelanda Un "pezzo" di spiaggia ricoperto dal carburante. Questa immagine e la prima, sempre della spiaggia, sono tratte dal sito di RaiNews24.

Articolo scritto da KungFuGirl - Vota questo autore su Facebook:
KungFuGirl, autore dell'articolo Disastro Ecologico In Nuova Zelanda
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione