Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Donne In Treno Per Difendere La Costituzione Italiana


19 settembre 2011 ore 20:25   di KungFuGirl  
Categoria Attualità e Gossip  -  Letto da 1011 persone  -  Visualizzazioni: 1657

C’è chi l’ha già ribattezzato “Freccia rosa”, giocando sull’assonanza con i treni che promettono di collegare velocemente i punti più lontani dell’Italia, ma il Treno delle Donne per la Costituzione promette di essere molto di più.

I due treni pieni zeppi di donne di ogni età partiranno uno da Bologna e uno da Palermo la sera del 23 settembre e raggiungeranno Roma la mattina del 24; da lì partirà il corteo gentile che si dirigerà verso il centro della città eterna, con l’obiettivo di circondare il Parlamento e consegnare al Presidente della Repubblica un manifesto in difesa della Costituzione.


L’idea di questa originale manifestazione l’ha avuta Nella Toscano, architetto siciliana, che spiega così la sua scelta: “La Costituzione è alla base della nostra vita e, anziché pensare di cambiarla, è bene che si inizi ad attuarla. A cominciare dall’articolo 1, “L’Italia è una repubblica fondata sul lavoro”, che invece ci stanno togliendo, fino all’articolo 11, sul ripudio alla guerra, al 41, sull’iniziativa privata che non deve contrastare con il bene sociale”.

In un momento storico di profonda crisi – non solo economica – per il nostro Paese, le donne hanno sentito il bisogno di aggregarsi per tentare di restituire una bussola ad un’Italia che pare sempre più alla deriva.

Donne In Treno Per Difendere La Costituzione Italiana La Carta della Costituzione italiana

“Noi donne – si legge nel manifesto del Treno delle Donne per la Costituzione - oggi più che mai, avvertiamo l'obbligo di accompagnare la società verso un futuro diverso. Riteniamo, infatti, che la nostra presenza e la nostra partecipazione attiva potranno restituire tutto quanto fino a oggi è mancato alla cultura politica del Paese”.%u2028

“Siamo numericamente la maggioranza in Italia e nessuno deve pensare di poter modificare la Costituzione senza la nostra compartecipazione – prosegue il testo fondamentale dell’associazione -%u2028Vogliamo essere portatrici di legalità, giustizia e laicità e questo ci impegna a difendere la nostra Carta costituzionale che è garanzia imprescindibile per l'affermazione di questi principi”.

Donne In Treno Per Difendere La Costituzione Italiana Donne pronte a salire sul treno-salva-Costituzione

Mentre fervono i preparativi in vista della partenza dei due treni da Palermo e da Bologna, il Treno delle Donne per la Costituzione corre già veloce sul web: in poco più di un mese, soltanto grazie a Facebook, si contano già oltre cinquemila iscritte all’associazione, senza tener conto delle altre associazioni che hanno dato la loro adesione all’iniziativa.

Articolo scritto da KungFuGirl - Vota questo autore su Facebook:
KungFuGirl, autore dell'articolo Donne In Treno Per Difendere La Costituzione Italiana
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione