Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Dove Finiremo Ora? Alle Prove Di Colpo Di Stato?


13 novembre 2011 ore 12:34   di erpidi  
Categoria Attualità e Gossip  -  Letto da 383 persone  -  Visualizzazioni: 606

Dove finiremo ora? Alle prove di Colpo di Stato?. E così la fine annunciata è arrivata. Il Governo Berlusconi ha dato le dimissioni. Troppi gli insuccessi, troppe le rivolte interne, troppe le incertezze e le scelte sbagliate. Troppi gli errori, di valutazione, di comportamenti e di stile. Berlusconi & Co. hanno preteso troppo, sbagliando comportamenti, dichiarazioni e scelte quotidiane. Il fardello degli errori personali del Premier e dell’entourage di Bossi ha contribuito pesantemente al fallimento inglorioso della sessantesima compagine governativa della Storia Repubblicana, una compagine però eletta democraticamente. Ovviamente lo sconforto popolare dà ogni colpa al Governo uscente per un’esasperazione che non è solo causata da una situazione oggettivamente brutta, ma anche da una sapiente gestione delle masse da parte dell’Opposizione.

Le radici dei problemi italiani vanno trovate non solo negli errori del Governo uscente, ma anche nelle scelte dei suoi predecessori, che non erano, solo, di Centro-Destra. Vanno trovate nel malcostume italiano di cambiare all’inizio un Euro per mille lire indipendentemente dalle sancite 1.996 e rotte e nelle tante furbate e truffe miliardarie che hanno contribuito a distruggere la fiducia nell’Azienda-Italia da parte dei Partners Europei e degli Investitori Internazionali. Aggiungiamoci gli ultimi 18 mesi di scandaletti-rosa, di beceri atteggiamenti di tanti, troppi, membri sia del Governo sia del Parlamento. Ne viene fuori un quadro desolante e in alcuni casi rivoltante. Non puoi avere carisma e prestigio internazionale comportandosi come “Furbetti der qurtierino” specialmente quando siedi in Parlamento. Né l’Opposizione ha fatto meglio. Attaccando ferocemente l’Esecutivo hanno sì ottenuto la caduta di questo, ma a quale prezzo?


Attenti! Le dimissioni di Berlusconi, ormai necessarie ed improcrastinabili, sono state una vittoria mediatica e giudiziaria delle Opposizioni ben orchestrata (chi meglio delle Sinistre sa gestire e sfruttare la forze delle masse?), ma è quasi sicuramente una Vittoria di Pirro. I cocci da riaggiustare sono così tanti da auspicare un miracolo. Che forse non avverrà subito. E l’incarico affidato a Monti rischia di trasformare un intervento deciso del Capo dello Stato in un Colpo di Stato se determinate condizioni venissero disattese.

Berlusconi è andato al Governo grazie ad elezioni democratiche che hanno espresso il volere del Popolo Sovrano. La compagine Parlamentare di Maggioranza è nata da libera volontà popolare. Questa maggioranza è mancata, ma come? Innanzitutto con le defezioni dei Finiani, che eletti nelle schiere del PDL ne sono usciti ed hanno creato un proprio Partito alcuni membri del quale siedono in Parlamento (anzi uno ne presiede uno dei Rami, la Camera dei Deputati), MA non vi sono stati mandati dagli elettori che nemmeno sono stati consultati al riguardo. Sono mesi che protesto al riguardo! Eletti nel Partito “alfa” se ne escono per fondare il Partito “lambda” non possono godere dei privilegi conseguiti con le elezioni perché gli Elettori (il POPOLO SOVRANO!!!!!!) NON ce li hanno messi. Per attuare un comportamento esemplare (ed osservante della Democrazia) avrebbero dovuto rinunciare al mandato e far assurgere al seggio Parlamentare il primo dei non eletti per ogni posto per poi ottenere, nelle prossime elezioni politiche, il favore degli Elettori. Ciò non è successo con i 32 secessionisti finiani che, secondo me siedono in Parlamento abusivamente ed in violazione alla Costituzione e ad ogni istituzione democratica. Così come i recentissimi 8 che hanno abbandonato le fila del PDL per trasmigrare mi-si-perdonerà-se-non-mi-ricordo-dove, causando una fin troppo rimandata crisi di Governo. Nel momento in cui nel Governo Monti dovessero sedere membri di quei Partiti che le ultime Politiche hanno perso e con l’appoggio dei 32 e passa secessionisti dal PDL siamo alle soglie di un Colpo di Stato perché governerebbe il Paese chi non ne è stato incaricato dalla maggioranza di quel Popolo Sovrano di cui tutti i Membri del Parlamento (con la sola eccezione di pochi, fra cui i Radicali) dimenticano costantemente l’esistenza, ma che paga (e profumatamente) le loro “paghette” e non solo quelle.
Okay la situazione è grave e la contingenza richiese soluzioni e decisioni estreme, ma non era meglio (per la democrazia e per un buon Governo) andare a votare? Perché non crediate che la compagine governativa che uscirà dalle consultazioni di Napolitano durerà poco, se ciò avvenisse le provvidenze anti-crisi potrebbero fallire. Per mettere le cose a posto ed evitare deviazioni servono un minimo di due anni di polso fermo e soluzioni esemplari.

Quanto credete che Lega, PDL, PD, IDV e FLI reggano nel momento in cui molti dei cardini delle loro scelte politiche saranno inficiati. Temi come Pensioni, Patrimoniale, Tasse ed Investimenti dovranno essere trattati con rigore, onestà, durezza e decisione. Tutte requisiti che la maggioranza dei nostri Politici non sanno nemmeno dove stanno di casa.

Io la vedo bigia.

Articolo scritto da erpidi - Vota questo autore su Facebook:
erpidi, autore dell'articolo Dove Finiremo Ora? Alle Prove Di Colpo Di Stato?
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione