Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Due Centesimi A Litro, Le Nuove Accise Post Terremoto


30 maggio 2012 ore 23:03   di Veritas21  
Categoria Attualità e Gossip  -  Letto da 430 persone  -  Visualizzazioni: 717

Quando accadono certe cose si ha la piena consapevolezza di essere in Italia, perché solo in questo paese possono capitare.
Sono trascorsi pochi giorni dai terribili terremoti nel Nord Italia che il governo ha annunciato l’aumento dei carburanti di due centesimi a litro.

Prima di tutto va detto che in Italia il prezzo del carburante è già molto elevato e non solo per colpa dei gestori, ma anche per le numerose e spesso obsolete accise che gravano sul prezzo finale.
In questo caso i due centesimi a litro saranno destinati ai terremotati.
Non voglio discutere sull’opportunità di questa decisione né sull’istituto delle accise, bensì riflettere su altre cose.


Perché lo Stato non affronta le calamità utilizzando risorse proprie? Perché farne ricadere il peso sulle tasche, già ampiamente provate, degli italiani?
Perché aggiungere un accisa quando ce ne sono alcune obsolete da poter togliere?
Cito tra le tante;
Terremoto del Belice, Terremoto del Friuli e Terremoto dell’Irpinia, senza contare Guerra in Abissinia e la crisi di Suez del 1956.

Questa è la vergogna, tramutare un atto di per se umanitario in una tassa a vita per il cittadino.
Inoltre non è una trovata cosi innovativa e certamente non all’altezza di un gruppo di tecnici chiamati a salvare il nostro paese.

Prima il tabacco ed ora, causa terremoto, la benzina.
Ovviamente il governo ha assicurato la sospensione dell’Imu per i terremotati. Probabilmente far pagare la tassa sulla casa a chi la vedeva ridotta in macerie sarebbe stato davvero troppo anche per lor signori tecnici.

Articolo scritto da Veritas21 - Vota questo autore su Facebook:
Veritas21, autore dell'articolo Due Centesimi A Litro, Le Nuove Accise Post Terremoto
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione