Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Elezioni Amministrative, Terremoto Politico


31 maggio 2011 ore 11:31   di Feniks  
Categoria Attualità e Gossip  -  Letto da 351 persone  -  Visualizzazioni: 519

Si cambia a Milano e Napoli, città diventate simbolo della contrapposizione destra-sinitra di questa tornata elettorale. Con percentuali che non lasciano adito a dubbi, i cittadini hanno decretato una svolta. Vincono i candidati della sinistra, Pisapia a Milano, e Demagistris a Napoli. Perde la coalizione di centro-destra, l'asse PDL-Lega questa volta non è bastato ad arginare la sconfitta.

Il leader del PDL Silvio Berlusconi questa volta ammette la sconfitta, promettendo però che il Governo va avanti e farà le riforme promesse, e che dalla sconfitta saprà riemergere.
La Lega si interroga. Perde comuni storici, come Gallarate dove gli elettori del popolo leghista hanno sostenuto al ballottaggio il candidato di centro-sinistra.
Cala a Varese, altra roccaforte, dove si prevedeva una vittoria al primo turno e invece si è dovuto attendere il ballottaggio per confermare il sindaco uscente Fontana, con qualche apprensione per una rimonta quasi insospettabile di Oprandi.
Prima conseguenza: uno dei coordinatori del Pdl, Sandro Bondi (ex ministro della Cultura in questa legislatura) si è dimesso ieri. Non ha atteso nemmeno la fine dello spoglio. Ora si attende il rientro del premier, le sue decisioni e l'evolversi dei rapporti con la Lega.


Sull'altro versante, il centro-sinistra plaude alla vittoria, ma analizzando con obiettività i dati, si capisce che vittoria è stata, questo è innegabile, ma determinata dall'estrema sinistra (in alcuni casi quella extra-parlamentare), il Sel di Nichi Vendola a Milano, Italia dei Valori a Napoli.
Non a caso, a Milano, parallelamente a Pisapia (neo sindaco) ecco il comizio di Vendola. Tanta retorica e qualche passaggio a vuoto, come quello di "abbracciare i rom", sicuramente pronunciato in senso metaforico, ma tanto è bastato a suscitare reazioni da parte della destra.
Voto di protesta da parte dei cittadini stanchi della crisi e dei suoi effetti? Storicamente la crisi viene pagata da chi è al governo, e forse così è stato anche questa volta. Voto contro qualcuno o qualcosa invece di voto pro?

Ora, spenti i riflettori sui proclami elettoriali, si accenderanno quelli, più importanti, sui "fatti". Le nuove amministrazioni sono attese da 5 anni di sfide continue, con al primo posto la legalità e (ci si augura) la soluzione del problema rifiuti per Napoli, mentre Milano guarda già all'Expo 2015, senza perdere di vista i problemi quotidiani.

Riusciranno i neo-eletti a far coincidere gli interessi dei loro elettori con quelli dell'ala più moderata della coalizione? Ci sarà il cambiamento epocale ventilato dai leader usciti vincitori dalle urne? E' presto per dirlo. Accanto alle reazioni del mondo politico, agli auguri di rito degli sconfitti, c'è la speranza di migliai di elettori che i loro rappresentanti si adoperino al meglio e con correttezza per risolvere i problemi del paese.

Articolo scritto da Feniks - Vota questo autore su Facebook:
Feniks, autore dell'articolo Elezioni Amministrative, Terremoto Politico
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione