Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Fiat Chiude Oggi Termini Imerese E La Juventus Prepara 40 Milioni Per Il Calciomercato. Anomalia?


24 novembre 2011 ore 13:49   di Ciuffo79  
Categoria Attualità e Gossip  -  Letto da 499 persone  -  Visualizzazioni: 833

Viene da chiedersi: che collegamento può esserci tra il fatto che oggi i lavoratori della Fiat di Termini Imerese entrano in fabbrica per l’ultima volta avviandosi alla cassa integrazione e alla disoccupazione con una notizia di calciomercato che vede la Juventus pronta ad investire 40 milioni di euro a Gennaio?

In teoria nulla, in pratica tutto. Perché? La proprietà delle due realtà, come ben noto, è la stessa e trattasi della famiglia Agnelli, pronta a tutto quando si parla di Juventus, ma a molto meno, stando alle affermazioni del leader della Fiom Maurizio Landini, quando si parla di lavoratori Fiat.


Niente incentivi per agevolare il pensionamento di centinaia di lavoratori in esubero, alcuni dei quali presenti in fabbrica da quasi 40 anni, niente applicazione delle tabelle utilizzate a Pomigliano e Cassino, ma solo arroganza e un sostanziale menefreghismo, a quanto si apprende.

Fiat Chiude Oggi Termini Imerese E La Juventus Prepara 40 Milioni Per Il Calciomercato. Anomalia?

Certo, non sappiamo se questa sia la piena verità delle cose, dato che Fiat ed il suo amministratore delegato Marchionne hanno sempre affermato che “la decisione è dovuta alle condizioni di svantaggio competitivo, difficoltà strutturali e costi eccessivi” dello stabilimento siciliano proponendo lo stop alla contrattazione integrativa, ormai obsoleta, e dando il via ad accordi sindacali più moderni, si sostiene.

Quanto costerebbe venire incontro ai lavoratori? Beh, non lo sappiamo con precisione. Forse i soldi necessari all’acquisto di Kuzmanovic sarebbero sufficienti.

In definitiva stiamo parlando di due società diverse, con bilanci diversi e siamo certi che questa è pura inutile retorica. Non si può parlare di Juventus e di lavoratori Fiat, in fondo la squadra di calcio è importante per milioni di persone in Italia.

Tuttavia, resta difficile vedere operai sul lastrico che si incatenano davanti ai cancelli di Termini Imerese come narrano oggi tutti i telegiornali, e fa veramente effetto vedere quelle facce cupe, tristi, prive di speranza ma colme di rabbia quando poi facendo un semplice click su uno dei mille canali del digitale terrestre, ci si sofferma sui 40 milioni di euro pronti per Montolivo, Damiao e Aogo (che sembra quasi il nome di una nuova vettura ma che è soltanto il nome di un terzino dell’Amburgo).

In definitiva non si tratta di analizzare a fondo la finanza industriale o i meccanismi afferenti ai bilanci societari, che mal si conciliano con il pensiero comune della gente, ma di semplice etica, che ogni tanto affiora nella mente delle persone quando davanti alla crisi e al dolore di tante famiglie si cerca ancora di dare un pallido senso alle cose.

E pensare che nonostante tutto il Lingotto ha comunicato ieri che tutti gli accordi sindacali attualmente presenti in tutti gli stabilimenti del gruppo saranno azzerati a partire dal 2012: obiettivo adeguarsi al mercato del lavoro attuale ridefinendo anche il contratto collettivo nazionale dei metalmeccanici.

Monsignor Giancarlo Bregantini, arcivescovo di Campobasso-Bojano e presidente della Commissione Episcopale problemi sociali e lavoro ha duramente attaccato la decisione di Marchionne soprattutto per l’utilizzo “dell’arte della paura e quella del ricatto” nel tentativo di raggiungere i propri obiettivi industriali (fonte: Ansa).

Fiat Chiude Oggi Termini Imerese E La Juventus Prepara 40 Milioni Per Il Calciomercato. Anomalia?

La riflessione sorge spontanea: se si rende necessario ridiscutere tutti i contratti nazionali dei lavoratori Fiat per adeguarli alle richieste del mercato, aumentando la flessibilità, le ore lavorate e magari le retribuzioni medie, potrebbe essere giunto il momento di ridiscutere anche gli investimenti della famiglia Agnelli nel calcio, magari ridistribuendo le risorse e finalizzandole al rilancio degli stabilimenti? Forse sì, ma è retorica.

Ma Marchionne è stato chiaro: definire con la collaborazione dei sindacati "accordi più moderni in grado di assicurare la flessibilità e la governabilità degli stabilimenti, ma anche di garantire alle persone condizioni di lavoro migliori e adeguati trattamenti economici” (fonte: ilSole24Ore).

L’equilibrio in prima linea, dunque. In attesa dei primi passi concreti, buona fortuna a tutti.

Articolo scritto da Ciuffo79 - Vota questo autore su Facebook:
Ciuffo79, autore dell'articolo Fiat Chiude Oggi Termini Imerese E La Juventus Prepara 40 Milioni Per Il Calciomercato. Anomalia?
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione