Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Flm: Gli Italiani Sono Accoglienti


16 luglio 2013 ore 14:36   di Lucio-Anneo  
Categoria Attualità e Gossip  -  Letto da 407 persone  -  Visualizzazioni: 586

Martedi 16 Luglio 2013, escono i risultati dei sondaggi dell FLM ( Fondazione Leone Moressa ) riguardo all'immigrazione in Italia e all'eventualità di inserire un ministro dell'ingrazione. Il risultato è stato che poco meno del 60 % dei soggetti presi a test vede l'immigrazione come un fattore positivo per l'italia stessa.

A seguito della proposta in senato, di inserire un ministro dell'integrazione per gli immigrati in italia, la FLM ha effettuato un sondaggio tra gli italiani da nord a sud, chiedendo a questi ultimi di dare un proprio pare riguardo l'immagrazione; un fenomeno in costante crescita e che è stato spesso tema centrale di dibattiti e di episodi di violenza.


Malgrado quanto si possa pensare, alla domanda " Vede l'immigrazione come un fenomeno positivo o negativo?", il 59,7 % ha risposto positivamente. Questo valore è molto rilevante, sopratutto se si vuole affermare che l'italia è un paese dell'era della globalizzazione; un paese che ha superato secoli bui di restrizioni mentali, allargando i propri orizzonti sul panorama mondiale; una nazione dunque aperta alla novità e al rispetto del prossimo.

Il dato precedentemente riportato viene ancor più avvalorato dalla risposta che gli italiani hanno dato alla domanda " E' d'accordo con la nomina di un ministro di colore? A questa domanda il ben 79,1 % ha risposto con esito positivo. Inoltre dal sondaggio è emerso che gli italiani non sono gelosi della propria cittadinanza. Ce lo confermano le risposte alla domanda numero tre fatta dalla fondazione ai soggetti presi in esame. La domanda è la seguente " I nati in Italia dovrebbero acquisire la cittadinanza alla nascita, è d'accordo?" Anche qui la netta maggioranza è d'accordo, ritrovando il 61,5 % che ha risposto "molto"; il 16,4 % "abbastanza"; 11,7 "poco", mentre solo il 10,4 % ha risposto negativamente.

Tuttavia rimane la diffidenza degli italiani nei confronti dei mussulmani. Ce lo testimonia il fatto che poco più del 50 % alla domanda " Ci sono religioni che creano problemi sul territorio, è d'accordo?" ha risposto di si, e l'82 % di essi ha identificato l'islamismo come la religione più problemativa.

Tuttavia questa diffidenza deriva sostanzialmente dalle orme che il passato ha lasciato sulla nostra nazione e sulle nostre generazioni. L'Islam infatti è stato considerato fin dalle crociate, un qualcosa da combattere, come d'altro canto l'islam ha sempre considerato il mondo occidentale come qualcosa da distruggere. Di grande rilevanza sono anche i continui episodi terroristi, che l'italiano per paura identifica come qualcosa di avverabile anche nel giardino di casa sua.

Articolo scritto da Lucio-Anneo - Vota questo autore su Facebook:
Lucio-Anneo, autore dell'articolo Flm: Gli Italiani Sono Accoglienti
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione