Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Francesco Cossiga Spira Al Policlinico Gemelli Di Roma


17 agosto 2010 ore 18:19   di Tiziana  
Categoria Attualità e Gossip  -  Letto da 409 persone  -  Visualizzazioni: 666

17 agosto 2010, ore 13,18: è morto per un arresto cardio-circolatorio l’ex Presidente della Repubblica Italiana Francesco Cossiga all’età di 82 anni, dopo essere stato ricoverato al Policlinico Gemelli di Roma lo scorso 9 agosto per problemi respiratori; la sitazione è precipitata durante la notte.

Emblema della proverbiale “balentia” sarda (coraggio dettato dal senso dell’onore), Francesco Cossiga nacque a Sassari il 26 luglio 1928: suo padre era uno dei fondatori e sostenitori del Partito Sardo D’Azione, sua madre una donna religiosissima;egli apparteneva ad una delle famiglie più in vista della zona, come quella dei Segni e dei Berlinguer.


Primo della classe, a 16 anni si diplomò presso il liceo classico Azuni, frequentato da personaggi di rilievo come suo cugino Enrico Berlinguer, Santi Licheri, Palmiro Togliatti e Antonio Segni e, sempre a Sassari, conseguì la laurea in Giurisprudenza all’età di 20 anni, ottenendo in pochi anni la libera docenza. Cossiga viene ricordato soprattutto per l’elezione come ottavo Capo dello Stato Italiano il 22 giugno 1985, dove raggiunse il quorum al primo scrutinio, con 752 voti su 922; in quell’occasione detenne il record di Presidente della Repubblica più giovane d’Italia poiché eletto a 57 anni.

Nei primi cinque anni di mandato la sua condotta politica fu moderata e riflessiva ma in seguito alla caduta del regime comunista e al crollo del Muro di Berlino del 9 novembre 1989, vedendo l’incapacità dei politici italiani di ogni fazione nell’ affrontare il cambiamento della realtà, Francesco Cossiga iniziò a prendere posizione pubblicamente e a biasimare la staticità dei partiti di fronte ad eventi di tale rilievo, sostenendo che progresso e dinamicità dovevano partire da tutti, gente comune compresa: per tale motivo venne definito “Il picconatore”; il 25 aprile 1992 egli annunciò la fine anticipata di due mesi del suo settennato e fu l’unico presidente a non chiedere di essere rieletto.  Francesco Cossiga, tuttavia, ebbe un’attività prolifica anche prima del 1985: docenza universitaria e stesura di saggi a parte, si fece eleggere segretario provinciale della Dc a soli 28 anni in seguito ad una proposta di rinnovamento del partito e da lì passò agli incarichi ministeriali, diventando membro della Camera dei Deputati; sottosegretario alla Difesa dal 1966 al 1969 sotto tre governi (nell’ordine Moro, Leone e Rumor), nel 1974 venne scelto come ministro per l’Organizzazione amministrativa e segretario del comitato interministeriale di coordinamento per l’ordine pubblico, al fine di elaborare una riforma riguardante l’istituto di polizia. Nel 1976 Cossiga divenne Ministro dell’Interno e s’impegnò a contrastare l’ormai dilagante terrorismo di quegli anni, ma si dimise, in segno di lealtà politica e devozione due anni dopo, in seguito al ritrovamento del corpo di Aldo Moro il 9 maggio 1978; si ritirò dalle luci dei riflettori fino a quando Sandro Pertini, nel 1979, lo incaricò di costituire il governo: continuò a lottare contro il terrorismo. Nel 1983 venne eletto al Senato e arbitrò i lavori a Palazzo Madama: questa fu la premessa alla sua elezione a Capo dello Stato. Divenuto senatore a vita dal 1992 si dedicò unicamente a questa carica finchè nel 1998 costituì l’Udr, partito che ebbe un ruolo significativo nel governo D’Alema e che si sciolse poco tempo dopo, facendo confluire la maggior parte dei suoi membri nell’Udeur.

In sostanza chi era Francesco Cossiga? Difficile incasellarlo in definizioni: sicuramente egli aveva un’idea concreta di Stato, esprimeva liberamente le sue opinioni, tanto da essere ritenuto un personaggio scomodo da molti, rispettava i comunisti pur non essendo d’accordo con loro; un uomo che avrebbe preferito protrarre il periodo di insegnamento all’università, un personaggio importante negli ultimi sessant’anni che, durante il passaggio dalla prima alla seconda repubblica, aveva avvertito l’imminenza dei cambiamenti del nostro Paese prima di molti altri. Perché lui era capace di vedere oltre l’orizzonte.

Articolo scritto da Tiziana - Vota questo autore su Facebook:
Tiziana, autore dell'articolo Francesco Cossiga Spira Al Policlinico Gemelli Di Roma
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione