Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Fukushima E I Suoi Fratelli. Cinquant' Anni Di Disastri Nucleari


12 marzo 2011 ore 14:19   di Bartimeo  
Categoria Attualità e Gossip  -  Letto da 656 persone  -  Visualizzazioni: 1302

Fukushima è l’ennesima tragedia legata allo sviluppo di energia nucleare. Un disastro, provocato da un evento naturale, in una parte del mondo avvezza a terremoti e notoriamente attenta a ogni tipo di emergenza, specie quella atomica, avendo subito sulla propria pelle nel 1945 quello che finora è stato l’unico episodico bellico legato allo sviluppo di questa branca della fisica. Dagli Stati Uniti all’ex Unione Sovietica tutti i continenti sono stati interessanti a tragedie di varia sorta e varia entità, a immediato, medio e lungo termine.

Nel Sol Levante il primo disastro grave avviene nel 1999, quando a Tokaimura, cittadina a nordest di Tokyo, nella prefettura di Ibaraki, tra le più colpite del sisma di ieri, in un piccolo impianto di combustile nucleare il mix non previsto di uranio e acido nitrico provocò una forte emissione di raggi gamma. La fabbrica fu immediatamente evacuata ma a 20 ore dall’incidente tre operai entrarono nello stabilimento per verificarne le condizioni. Due morirono subito, il terzo passò mesi e mesi in ospedale. Quasi centoventi persone furono pesantemente contaminate. Cinque anni dopo nella centrale di Mihama la rottura di un tubo nel reattore 33 fece sprigionare una miscela di acqua e vapore che fu fatale per cinque persone, il numero massimo di vittime in Giappone. L’incidente è ancora più macabro se si pensa che l’inchiesta ha dimostrato la totale assenza di alcun segno precursore. Un anno dopo fu la volta di Onagawa, colpita da un terremoto così come l’11 marzo 2011, ma l’impianto resse.


Nei primi anni della Guerra Fredda Stati Uniti e Unione Sovietica fecero la corsa anche per chi fosse la prima a rimanere vittima dell’atomo. Trofeo vinto dai russi. Il 29 settembre 1957 a Majak, sito militare negli Urali, impianto preposto al riutilizzo del combustibile atomico, un guasto nel sistema di raffreddamento fece scoppiare il calderone con le scorie contaminando una zona di 800 chilometri quadrati con cesio-137 e stronzio-90. Gli Usa non si fecero attendere. Nel 1961 un esplosione al reattore del Centro Sperimentale di Idaho Falls provocò la morte di tre persone. Negli anni ’70 la Cecoslovacchia e la Pennsylvania mantengono costante la media, ma sono i favolosi anni ’80 a fare più danni.

Fukushima E I Suoi Fratelli. Cinquant' Anni Di Disastri Nucleari

Tre incidenti in America, due ad Athens nell’Alabama e uno nel Massachussets. Nessun morto. Il 26 aprile 1986 è in agguato. Chernobyl fa 65 morti subito, quattromila secondo la stima Onu nel corso degli anni, dai trentamila ai sessantamila per quanto riguarda i dati dei Verdi Europei. Greenpeace taglia corto: sei milioni, come la Shoah.

Fukushima E I Suoi Fratelli. Cinquant' Anni Di Disastri Nucleari Fukushima E I Suoi Fratelli. Cinquant' Anni Di Disastri Nucleari

L’Italia non è da meno. Nel suo breve flirt con l’energia nucleare, in procinto di rimettersi l’anello al dito. Quasi tutte le centrali interessate. Inizia il valzer quella del fiume Garigliano, a Sessa Aurunca, Terra di Lavoro. Nel 1964 si evita l’esplosione, ma non le fuoriuscite, con la conseguenza che da Napoli a Gaeta i tassi tumorali sono tutt’oggi elevatissimi. A Trino Vercellese, nel 1967, un guasto fece chiudere per tre anni la centrale che continuò a sversare il trizio, elemento della fissione, nelle acque del fiume Po. Nel 1974 nel centro Enea di Casaccia, dove il reattore è stato testato a ottobre 2010 per la riapertura, viene segnalata la rottura di un recipiente di plutonio. Caorso nell’Emilia non è da meno. Nel 1978 verrà chiusa per la fuoriuscita di materiale radioattivo.

Fukushima E I Suoi Fratelli. Cinquant' Anni Di Disastri Nucleari

Non mancano i casi in Europa. Nel 2008 a pochi giorni di distanza incidenti a Tricastin, in Francia, dove trentamila litri di acqua contaminata finiscono in due fiumi immissari del Rodano, e nella svedese Ringhals prende a fuco una turbina, fortunatamente senza conseguenze. In Africa è l’estrazione di urano a devastare ecosistema e culture secolari. Il delta del Niger è praticamente occupato da multinazionali occidentali che si spartiscono elementi radioattivi e greggio. Nel dicembre scorso Greenpeace ha denunciato la fuoriuscita di oltre duecentomila litri di fanghiglia radioattiva presso la miniera di Somair, in Nigeria. Anche nella lontana Oceania l’atomo e i suoi derivati hanno spodestato la tranquilla vita dei polinesiani. Mururoa, atollo francese, per anni ha ospitato i test militari.

Fukushima E I Suoi Fratelli. Cinquant' Anni Di Disastri Nucleari

Le radiazioni prestate alla medicina godono di un nutrito palmares di incidenti. Nel 1984 un incidente in Marocco uccise otto persone. Tre anni dopo, nello stato brasiliano del Goias, morirono quattro persone e 249 furono contaminate a causa della bonifica di un vecchio ospedale. Radioterapia fatale anche nel ’90 in una clinica di Saragozza, in Spagna. Undici persone ammalate di cancro persero la vita a causa dell’elevata potenza di un acceleratore di elettroni. Il Costa Rica dà il suo tributo nel 1996. Tredici pazienti morirono a causa dell’utilizzo, nel trattamento medico, dell’elemento Cobalto-60.

Articolo scritto da Bartimeo - Vota questo autore su Facebook:
Bartimeo, autore dell'articolo Fukushima E I Suoi Fratelli. Cinquant' Anni Di Disastri Nucleari
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione