Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

G20 Incontro Obama Hu Jintao


11 novembre 2010 ore 22:28   di gigi_sullivan  
Categoria Attualità e Gossip  -  Letto da 297 persone  -  Visualizzazioni: 491

Il presidente degli Stati Uniti, che ha avuto un colloquio con il suo omologo cinese Hu Jintao il giovedì prima del G20, ha detto che il rapporto tra gli Stati Uniti e la Cina è sempre più saldo, nonostante la spinosa questione della moneta. Per i giornalisti il tono dell’incontro è stato conciliante.

Alla fine del loro settimo faccia a faccia di quest'anno, i due capi di Stato sono giunti a conclusioni similari: "il rapporto tra la Cina e gli Stati Uniti è diventato sempre più collaborativo negli ultimi anni; abbiamo discusso una vasta gamma di argomenti riguardanti il rapporto tra i nostri due stati, ma anche riguardo alla situazione economica e politica globale ", ha detto Barack Obama.


Il presidente cinese Hu Jintao è andato oltre: "da parte nostra siamo pronti a cooperare con gli Stati Uniti per intensificare il dialogo e gli scambi commerciali tra i nostri paesi". Secondo il presidente americano, i due paesi "stanno facendo progressi" nel loro dialogo strategico sulle questioni economiche più difficili, perché "in qualità di potenze economiche, abbiamo l'obbligo di garantire un equilibrio di crescita forte e sostenibile" ha dichiarato.

Il problema delle valute è stato menzionato solo implicitamente dai due capi di stato. E’ stato il segretario del tesoro U.S.A. Timothy Geithner a trattare l’argomento nel corso di un'intervista con la CNBC televisione. Secondo lui, la Cina non può continuare a resistere alle pressioni dei mercati internazionali che insistono per il rialzo del valore dello yuan: se vogliono resistere a queste forze di mercato, infatti, otterranno solo più inflazione e maggiori costi per la produttività, e per la Cina non sarà una buona cosa.

Il governo cinese, comunque, ha di nuovo espresso attraverso la voce di Hong Lei, portavoce del ministero degli Esteri, le sue intenzioni di aumentare la flessibilità in maniera progressiva del tasso di cambio dello yuan.

Timothy Geithner ha anche risposto alle critiche di molti paesi europei e asiatici scaturite in seguito al piano di ripresa americana che si traduce in finanziamenti per 600 miliardi di dollari nell'economia e ha dichiarato, in risposta alle critiche, che il governo degli U.S.A. non ha mai cercato di indebolire la propria moneta come mezzo per ottenere un vantaggio competitivo o per sostenere la crescita dell'economia.

Barack Obama ha inoltre chiarito che la sua politica era solo quella di "stimolare la crescita degli Stati Uniti e di conseguenza del mercato mondiale”.

Articolo scritto da gigi_sullivan - Vota questo autore su Facebook:
gigi_sullivan, autore dell'articolo G20 Incontro Obama Hu Jintao
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione