Il Web è pieno di giornali, riviste e giornalisti.
Noi di Paid To Write siamo convinti che TU possa fare meglio di loro.
partecipa al nostro progetto

Genova, Fa Abortire La Fidanzata E Rischia La Vita


7 marzo 2015 ore 14:37   di informazionepubblica  
Categoria Attualità e Gossip  -  Letto da 325 persone  -  Visualizzazioni: 460

Incredibile nel genovese cosa è successo: un ragazzo di 20 anni ha somministrato un farmaco conosciuto in Internet alla fidanzata di 17 anni nell’intento di interrompere la gravidanza ma la giovane ha rischiato di morire a causa di un’emorragia.
Sul caso ora indaga la Procura di Genova. Secondo quanto ricostruito, la ragazzina e il 20enne hanno acquistato su Internet un farmaco usato per procurare aborti. La 17enne, convinta dal fidanzato, ha preso una dose massiccia di pillole e ha iniziato a sentirsi male. Il farmaco le ha infatti provocato una forte emorragia interna. La ragazza è quindi finita in ospedale in gravi condizioni.

A questo punto sono iniziate le indagini per capire cosa fosse successo. E così il fidanzato 20enne è stato iscritto nel registro degli indagati con l’accusa di procurato aborto.
Interrogato dal magistrato il ragazzo si prende le sue responsabilità e dice: "Sono stato uno stupido a credere di risolvere il problema in questo modo, ho fatto un grave errore". Poi riferendosi al suo medico di famiglia a cui chiede scusa: "L’ho ingannato dicendo di avere dei bruciori di stomaco, l’ho convinto a prescrivermi quel medicinale. Mi dispiace moltissimo".


Poi il giovane 20enne, difeso dall’avvocato Claudio Velasco, inizia a ripercorrere nei minimi dettagli tutti i momenti dell’accaduto: "Mi ha chiamato dicendomi che il ciclo non le era arrivato. E’ stato il panico, non voleva dirlo ai genitori e così è venuta da me." A nessuno dei due ragazzi però è venuta in mente di fare la verifica se fosse davvero incinta. "All’inizio ero confuso, e non sapevo cosa fare – continua il ragazzo – poi ho pensato di cercare su internet. Ho scoperto così il Cytotec, il gastroprotettore che, se preso in dosi massicce, può provocare l’aborto. È allora che sono andato dal mio medico di famiglia fingendo dei bruciori di stomaco per farmi prescrivere il farmaco".
A quel punto la ragazza, non sapendo il pericolo che poteva correre ha ingerito in grandi quantità il farmaco e poco dopi ha avuto delle perdite. Contenta pensa di avere di nuovo il ciclo e di non essere incinta ma in realtà sta avendo un aborto con tanto di emorragia interna. Con il passare del tempo le sue condizioni peggiorano fin quando i genitori la portano in ospedale e i medici la salvano in extremis. Data la terribile scoperta, i genitori insieme alla figlia si rivolgono ad un avvocato e denunciano il giovane fidanzato per aver indotto la figlia a sottoporsi all’aborto.

Il farmaco usato dalla coppia non è difficile da trovare e si può comprare in farmacia anche senza la ricetta medica. Tra i giovanissimi viene chiamata "la pillola abortiva", nato per curare l’ulcera gastrica, ma come controindicazione provoca forti contrazioni dell’utero causando quindi l’espulsione quasi certa del feto, entro le prime nove settimane di gravidanza ma anche nel secondo trimestre. Il fatto ha causato molto sconcerto da parte di Merceds Bo, presidente dell’Aied a Genova: "E’ inconcepibile che un medico di famiglia prescriva questo medicinale che può avere effetti devastanti se utilizzato impropriamente".
Una storia identica a questa era avvenuta in Slovacchia dove una ragazza incinta al settimo mese di gravidanza aveva preso, su consiglio del fidanzato anche qui 20enne, dei farmaci per provocare l’aborto. Anche questa volta le pillole erano stata acquistate su internet.

Articolo scritto da informazionepubblica - Vota questo autore su Facebook:
informazionepubblica, autore dell'articolo Genova, Fa Abortire La Fidanzata E Rischia La Vita
Fai conoscere ad altre persone questo articolo: condividi o promuovi questa notizia su Facebook e su tanti altri canali:
Condividi Questo Articolo!

 

Inserisci un Commento:

( ti consigliamo di effettuare il login per commentare più efficacemente )
Codice di Verifica:

ricarica il captcha

Per ragioni di sicurezza verrà registrato anche l'indirizzo IP del tuo computer

Seguici Su...


 
 
 
 
Diventa anche tu parte di
Paid To Write Clicca qui!
segui paid to write su facebook

Articoli Più Letti

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Articoli Più Votati

Attualità e Gossip
Oggi    Sett.    Mese    Sempre   

Paid To Write - Il Giornalista Sei Tu

Tutti i contenuti pubblicati su Paid To Write sono soggetti alla licenza Creative Commons.
Licenza Creative Commons
È permesso riportare i nostri articoli ma solo se accompagnati da un backlink dofollow (senza cioè il tag nofollow) verso il nostro contenuto originale.
Paid To Write
Il Giornalista Sei Tu
© 2012 PI 00877530147
Paid To Write Network
Contattaci
Privacy
Disclaimer e Redazione